Attenzione! Il recupero dei contenuti è ancora in corso.

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

2
E' una casa editrice piccola, che si sforza il più possibile di operare onestamente e correttamente. Cerca di promuovere al meglio i propri autori con cui Monica Maratta ha instaurato rapporti a livello confidenziale. Ho pubblicato con loro un thriller e firmato il contratto per un sequel che uscirà a dicembre. Credo che, in rapporto alle dimensioni, siano poche le CE in grado di dare di più ai i propri autori.  Inoltre, last but not least, paga puntualmente le royalties.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

4
Mattia Van ha scritto: @Cheguevara Di solito, entro quanto tempo risponde la CE? 
Non saprei: a me, a suo tempo, hanno risposto subito, ma avevano appena iniziato e il catalogo era praticamente vuoto. Ora, per quanto ne so, hanno programmato le pubblicazioni fino al 2023 e non credo che accettino altri manoscritti. Ma non sono sicuro: tu prova ad inviare comunque. 
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

7
Cacciugo ha scritto: @Cheguevara come ti sei trovato con Maratta Edizioni sotto il profilo della distribuzione? Ho visitato il loro sito e, dal momento che hanno riaperto per gli invii, sto pensando di proporre il mio romanzo anche a loro. Grazie.
Non male. Il canale più attivo e di facile raggiungimento è, ovviamente, Amazon. Poi, tramite gli accordi presi dalla CE, il prodotto-libro è ordinabile, praticamente, in qualsiasi libreria. L'importante è che ci sia chi vuole acquistarlo.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

15
Naty88  ha scritto: gio set 23, 2021 10:59 amNon ho parole 😞 proprio ora che avevo firmato il contratto con loro. È proprio certo della chiusura? 
Ne ho avuto comunicazione ieri sera, dopo un sollecito a rispondere a una mail sull'argomento, da me inviata il 1° del mese. Non pubblicheranno più nulla, a partire da settembre, dei contratti già firmati. Se non è chiusura, ne è l'anticamera.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

16
Avevo firmato con questa CE lo scorso anno ma poi, presagendo qualcosa di simile a quanto ora starebbe accadendo, ho chiesto che venisse annullato il contratto per poter rientrare in possesso dei diritti.
Succedeva esattamente un anno fa e, se davvero è così, mi dispiace molto per l'editrice, persona sempre gentile e disponibile, oltre che  per gli autori in attesa di pubblicazione e per quelli che hanno già pubblicato, per le cui opere non so bene quali saranno le conseguenze. 

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

18
Mattia, non so se tu sia un autore di questa CE, ma all'epoca esisteva una chat di gruppo cui partecipavano autori, editrice e collaboratori vari. Gli aggiornamenti sullo stato della CE erano continui. Non scendo nel dettaglio per ovvie questioni di privacy e opportunità, ma i motivi per dubitare della stabilità della CE non mancavano, tanto che diversi autori se ne sono andati dopo di me.
Ovviamente, le ragioni per cui la Maratta starebbe chiudendo i battenti (ammesso che venga confermato) potrebbero non avere nulla a che vedere con le mie supposizioni di un anno fa, e riguardare aspetti e considerazioni di tutt'altro genere.

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

20
Mattia Van ha scritto: gio set 23, 2021 10:30 pm @Horselover Fat  Grazie per la risposta. No, non sono un autore di questa CE, ma siccome fino a poco tempo fa sapevo che cercasse autori, nonché che avesse in programma pubblicazioni previste per il 2022, mi ha sorpreso molto questa sorte 
Infatti. Era in calendario la prossima pubblicazione per il 24/09, per la quale qualcuno si era sbattuto a editare 202 cartelle. La comunicazione, non resa spontaneamente, ma su sollecito, è arrivata il 22/09. In questo mercato in cui l'autore conta meno di niente, succede.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

22
Mattia Van ha scritto: ven set 24, 2021 12:43 pm @Cheguevara 
Di sicuro non è un comportamento corretto. Va bene tutto, ma gli autori dovevano essere avvisati immediatamente
Mi lascia basita tutta questa storia proprio perché sul forum avevo letto solo lodi riguardo a questa casa editrice! La cosa che mi rammarica è anche il fatto di venire a sapere questa informazione dal forum e non dalla casa editrice stessa. Immagino che toccherà a me scrivere una mail. La cosa che mi confonde è come mai hanno riaperto le selezioni lo scorso maggio se c’era già quel timore nell’aria. 

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

23
@Naty88  Ciò evidenzia la mancanza di serietà. Anch'io avevo inviato a questa CE non appena aperte le selezioni, ben consapevole che le nuove pubblicazioni sarebbero partite dal 2023, mentre per il 2022 era già tutto pieno. Non scordiamoci che Maratta aveva pure indetto un concorso e i romanzi vincitori dovevano uscire all'anno nuovo. 
Non ci è dato sapere i suoi problemi, ma dubito che questi siano stati improvvisi. Come fa una CE che promette bene, che dimostra una certa passione e che ha in programma diversi lavori, a fallire da un giorno all'altro?  
Ma tralasciando dettagli che non ci interessano, è inaccettabile non aver dato comunicazione a tutti gli autori. Tu avevi firmato da tempo, vero? Avrebbero dovuto liberarti subito e permetterti di proporre altrove. Immagino la delusione  

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

24
Mattia Van ha scritto: ven set 24, 2021 3:28 pm @Naty88  Ciò evidenzia la mancanza di serietà. Anch'io avevo inviato a questa CE non appena aperte le selezioni, ben consapevole che le nuove pubblicazioni sarebbero partite dal 2023, mentre per il 2022 era già tutto pieno. Non scordiamoci che Maratta aveva pure indetto un concorso e i romanzi vincitori dovevano uscire all'anno nuovo. 
Non ci è dato sapere i suoi problemi, ma dubito che questi siano stati improvvisi. Come fa una CE che promette bene, che dimostra una certa passione e che ha in programma diversi lavori, a fallire da un giorno all'altro?  
Ma tralasciando dettagli che non ci interessano, è inaccettabile non aver dato comunicazione a tutti gli autori. Tu avevi firmato da tempo, vero? Avrebbero dovuto liberarti subito e permetterti di proporre altrove. Immagino la delusione  
Avevo firmato a giugno e avevano già inserito la mia foto e biografia sul sito e poi ho visto settimana scorsa che l’hanno rimosso! Diciamo che sono fortunata di non aver rifiutato altre offerte di recente altrimenti certo, sarei scocciata. Al momento più che altro c’è la grande delusione di un sogno che pensavo si sarebbe realizzato! 

Re: [Casa editrice] Maratta edizioni

25
Non ho mai avuto contatti con l'editore in questione, quindi non ho alcuna esperienza personale da riportare.
Avevo però seguito con un certo interesse la discussione nel WD e mi ero stupito che un piccolo editore appena nato potesse ricevere - come scrive qualcuno - "solo lodi". Dov'è il trucco? - mi sono chiesto. O meglio: come fa un piccolo editore come questo a tirare avanti, senza chiedere soldi agli autori? Purtroppo, per i piccoli editori, oggi le alternative sono soltanto due: o chiedere soldi agli autori (in modo diretto o indiretto) oppure avere alle spalle un serio investimento economico (vale a dire un capitale sociale), che consente di essere competitivi sul mercato. Se un piccolo editore non ha un buon distributore, se non ha un promotore, se non ha un grafico di prima qualità, se non ha un addetto stampa, e altro, è impossibile che sopravviva senza chiedere soldi agli autori. Magari da parte di questo editore c'erano buone intenzioni a livello personale, ma queste purtroppo non sono sufficienti a fare vendere i libri. Quindi, non mi stupirei che l'editore chiuda per il semplice fatto che si è reso conto di andare in perdita. In generale, bisognerebbe diffidare dei piccoli editori che nascono come funghi, magari gestiti da una sola persona da casa sua, magari con una ragione sociale che è una Srls, ovvero senza un solido investimento economico.
Il rischio concreto è che chiudano bottega in fretta così come la aprono, anche con le migliori intenzioni del mondo. 

Mi dispiace per @Cheguevara e gli altri autori che avevano pubblicato con loro, sperando che almeno i libri già pubblicati resteranno reperibili. 
Le regole del cavaliere