Inverno 2000 [striscia]

1
link al commento

Anche io disegnavo (diciamo così) quando andavo a scuola, sui quaderni degli appunti, negli spazi vuoti alla fine dei capitoli dei manuali. Qualcosa però ho scansionato e salvato.

Condivido questa striscia sapendo benissimo che non raggiunge nemmeno un livello amatoriale, e ammetto che il disegno di Nightafter mi aveva quasi fatto cambiare idea.

Però magari a qualcuno di voi strapperà un sorriso. O servirà ad abbassare il livello della sezione e rompere il ghiaccio. Sono un'accanita lettrice di fumetti e non vedo l'ora di commentare i vostri.


Qui ci dedichiamo alla ricerca della verità, non dei fatti. Se vi interessano i fatti, il dipartimento di storia è al terzo piano.
(semicit.)

Re: Inverno 2000 [striscia]

2
Ciao @mercy e complimenti per aver ufficialmente inaugurato la sezione.
Parto dal tuo tratto essenziale, visto che hai espresso un "disagio" su quello, rispetto al disegno di Nightafter.
Il fumetto è sintesi (benché esista anche lo stile realistico e il fumetto popolare utilizzi in prevalenza questo) e vive di codici, metafore e concetti, espressi anche attraverso il disegno.
Di casi di sintesi, estrema o meno, ce ne sono diversi, soprattutto nell'ambito delle strip (una volta lessi una storia i cui protagonisti erano due punti... qui andiamo all'essenza estrema e verso il concettualismo), anzi ne diviene un elemento quasi caratterizzante il genere.
Tutto ciò per dirti che la tua striscia va benissimo così, perché al di là del tratto anche un po' incerto esprime un concetto interessante e un umorismo delicato, che fa soprattutto riflettere sul compito dell'uomo di doversi prendere cura della natura, invece di deturparla come spesso accade.
Se c'è un appunto da fare, al limite, potrebbe essere sulla struttura irregolare della "griglia", che così poco geometrica dà un effetto storyboard, come se la tua fosse una bozza e non la tavola effettiva (in realtà alcuni maestri come Gipi o Babini disegnano proprio così, ma é una destrutturazione voluta, che parte da forme e prospettive studiate e sintetizzate, appunto).
Il tuo personaggio, però, mi piace proprio per la sua semplicità, è intuitivo ed esprime personalità in pochi tratti.
Comunica e racconta alla perfezione anche senza testo, il che denota la presenza di una regia e non casuale. Forse è intuitiva, da lettrice, ma comunque c'è ed è bene usata. Cosa non scontata per una striscia, che può apparire di semplice realizzazione, rispetto una storia lunga, ma la complessità sta invece nel raccontare tutto in poche vignette, ricorrendo alle azioni essenziali, il resto è lasciato all'inferenza del lettore. Ma l'inferenza dev'essere in qualche modo "guidata" dalla scelta delle giuste inquadrature e azioni, e a me sembra che tu lo faccia nella maniera corretta.  :)

Re: Inverno 2000 [striscia]

3
Grazie per il commento più che generoso, @ElleryQ:)

Ho letto strip per tutta l'infanzia e così assorbito qualche rudimentale nozione di "regia" che, allora, mi sono divertita a mettere in pratica. 
Per il tratto non c'è stato niente da fare, così alla fine ho lasciato perdere (ed è frustrante il fatto che il mio approccio alla scrittura sia uguale a quello che avevo al disegno: incerto e malsicuro. Non riesco mai a avvicinare le immagini che ho in testa a quelle che risultano sul foglio, così provo e riprovo mille volte con mano tremante, pasticciandoci sopra).

Spero che la mia sia solo prima di molte strisce in questa sezione (che mi sembra una bellissima iniziativa).
Qui ci dedichiamo alla ricerca della verità, non dei fatti. Se vi interessano i fatti, il dipartimento di storia è al terzo piano.
(semicit.)

Re: Inverno 2000 [striscia]

4
mercy ha scritto: dom mag 09, 2021 9:17 amè frustrante il fatto che il mio approccio alla scrittura sia uguale a quello che avevo al disegno: incerto e malsicuro. Non riesco mai a avvicinare le immagini che ho in testa a quelle che risultano sul foglio, così provo e riprovo mille volte con mano tremante, pasticciandoci sopra
Io, invece non sottovaluterei affatto questo approccio. Picasso diceva: "A dodici anni dipingevo come Raffaello, ma ci ho messo una vita intera a dipingere come un bambino".
Tutto ciò che è spontaneo e sentito comunica molto di più. Per cui benvengano l'apprendimento, l'esercizio, la tecnica, purché non portino alla freddezza, che sia nel tratto o nella narrazione. La perfezione tecnica non comunica quanto la spontaneità, il divertirsi nel fare e nel raccontare. Meglio qualche imperfezione che rinunciare all'emozione.
Schultz ha disegnato i suoi Peanuts fino a pochi mesi prima di lasciarci e lo ha fatto con tratto progressivamente incerto e tremante, impreciso, eppure sarebbe stato un delitto non pubblicare ugualmente quelle strisce, benché non più belle e precise come un tempo, proprio per ciò che narravano e trasmettevano. 
Non è necessario, nel tuo caso, avvicinare del tutto le immagini disegnate a quelle mentali. Al posto tuo sfrutterei le potenzialità del mezzo striscia, che per caratteristica indulge a un tratto non preciso. Lavorerei su ciò che già c'è migliorandolo.  :)

Re: Inverno 2000 [striscia]

6
Ciao @mercy 

E' sempre un piacere trovare appassionati del disegno a fumetti che si cimentino nel provare a realizzarne qualcuno di proprio, anche a solo livello di hobby come per il sottoscritto.

La tua striscia, benché tu ce l' abbia proposta come esperimento giovanile, è in realtà molto meno giovanilistica di come ce la descrivi.
Infatti è presente nel disegno una certa "maturità" figurativa e abilità manuale presente nel tratto.
Per quello che posso percepire dal tratto, direi che l'inchiostrazione è effettuata a pennello o pennino, il che dimostra una certa perizia a capacità tecnica.
La storia sceneggiata, nella sua apparente ingenuità, in realtà richiama alla mente la poetica fiabesca presente nelle storie della "Pimpa" di Altan, nate per un pubblico infantile di lettori, ma non di meno gradite anche da adulti che amano il fumetto.

Bella la tua tavola. Complimenti.
Un saluto. 

Re: Inverno 2000 [striscia]

7
@Nightafter, sei un galante bugiardo. :lol: 
Ti assicuro che nessuno mi ha mai attribuito una qualsivoglia abilità manuale. Sono il tipo di persona che rovescia due bicchieri su tre.
Però se c'è qualcosa che ti è piaciuto (bravo come sei) o che ti ha divertito nella mia striscia, sono davvero lusingata.
Grazie per il commento, spero pubblicherai qui qualcos'altro di tuo.
Qui ci dedichiamo alla ricerca della verità, non dei fatti. Se vi interessano i fatti, il dipartimento di storia è al terzo piano.
(semicit.)

Re: Inverno 2000 [striscia]

10
@mercy  :)

Ciao.
Volevo segnalarti che, di nuovo, io non vedo dal mio computer la quarta vignetta, imprescindibile per la comprensione del tuo fumetto.
Mi ricordo che, dopo avertelo segnalato quando l'hai postato, ero riuscita a vederla. Oggi, non più.
Vedo solo le prime tre. Sembra che agli altri non succeda. Mah! 
Di sabbia e catrame è la vita:
o scorre o si lega alle dita.


Poeta con te - Tre spunti di versi

Re: Inverno 2000 [striscia]

12
@M.T.@Sakuminitan grazie mille per il vostro apprezzamento (e perdonate il ritardo nella risposta) :sss: 

@Poeta Zaza, per fortuna ElleryQ ha risposto per me, perché io non capisco nulla di pagine web. Grazie comunque per essere ripassata, spero il problema sia risolto. :) 
Qui ci dedichiamo alla ricerca della verità, non dei fatti. Se vi interessano i fatti, il dipartimento di storia è al terzo piano.
(semicit.)
Rispondi

Torna a “Fumetto”

cron