Quanto costano i professionisti del settore editoriale?

1
Apro la discussione in quanto riscontro molto spesso che il pubblico, in generale, ha una percezione distorta dei prezzi praticati dai professionisti del settore editoriale, rispetto servizi specifici. A tal proposito, è aperto anche un breve questionario che ha lo scopo di raccogliere i dati percettivi del pubblico e confrontarli con la realtà dei fatti: E voi? Qual è la vostra percezione rispetto i prezzi praticati in media da editor, illustratori e designer professionisti? :)
Beatrice Spada, Graphic & Visual Designer
AIAP | Socia Professionista Junior
https://www.bs-designer.it
https://bspada.myportfolio.com/
https://www.copertinelibri.it

Re: Quanto costano i professionisti del settore editoriale?

2
L'iniziativa del questionario è interessante, ma credo che contrassegnare tutti i campi come obbligatori disincentivi la partecipazione.

Io stessa non saprei rispondere ad alcune domande, perché - per esempio - per istruire cause mi è capitato di vagliare più preventivi di editor, ma non mi è mai capitato di farlo per quello che riguarda l'impaginazione e quindi, a quest'ultimo riguardo, lì per lì non saprei che risposta dare, potrei solo andare 'a naso'.

Altro esempio: per i preventivi degli illustratori - che conosco perché ho anche illustratori come clienti - il massimale del questionario è mille euro per una copertina, ma ci sono illustratoti che, avendo un nome consolidato, possono costare anche 2500 e inoltre il valore dipende dal formato, dalla durata della licenza, dalla tiratura e dalla diffusione del libro; oppure, se si tratta di vendita e non di licenza, di nuovo le cifre cambiano. Quindi i parametri sono molto variegati e la risposta secca è impossibile ;)

Mi rendo conto che lasciare la possibilità di non rispondere a certe domande possa rendere un po' zoppo il questionario, ma l'alternativa è avere poca partecipazione e quindi ottenere ancor meno dati.
www.avvocatomarinalenti.it

Re: Quanto costano i professionisti del settore editoriale?

3
In generale, la mia percezione è che ci siano troppi che oggi si improvvisano come "professionisti", esattamente come troppi si improvvisano scrittori, editori e agenti. Mica esiste un albo degli operatori editoriali... Gran parte di questi sedicenti professionisti si rivolgono al mercato degli improvvisati scrittori, i quali sono a loro volta il target dei sedicenti editori e agenti. Si potrà obiettare che, in teoria, anche qualcuno che non sa scrivere può pagare un professionista. Ma io dubito fortemente che un professionista - che non sia un ghostwriter - si prenda in carico di lavorare su opere che non hanno alcun futuro, e di collaborare con scrittori che non hanno alcun talento. Gran parte degli operatori editoriali improvvisati alimentano un mercato di opere che non hanno alcun mercato, ed esistono soltanto grazie alla proliferazione degli editori a pagamento e dei loro surrogati. 

Tutto ciò - per venire al quesito in questione - conduce a una moltiplicazione della domanda e dell'offerta, e una certa difficoltà nel valutare se la cifra richiesta sia adeguata o meno. A parità di richiesta, può essere una cifra giusta o persino bassa, se si tratta di un vero professionista che lavora su un'opera promettente, o una richiesta esosa, se viene da qualcuno che si improvvisa tale, o comunque alle prime armi, e che accetta di lavorare su qualunque opera, esattamente come fa l'editore EAP.  Possibilmente, in ogni caso, la percezione generalizzata è che le richieste siano alte, perché il mercato è "drogato" dai tanti aspiranti. 

Ho risposto al sondaggio.
Le regole del cavaliere

Re: Quanto costano i professionisti del settore editoriale?

4
@Avv.Lenti grazie per l’intervento. Ho scelto di inserire come obbligatorie le risposte in quanto il questionario dovrebbe basarsi sul percepito del pubblico, come scritto. Se chi risponde sa le risposte precise è un di più rispetto gli intenti :)
Quindi andare a naso va benissimo. Quel che conta è la percezione, in modo tale che, in caso di percezione falsata, i professionisti possano intervenire per cercare di portare il pubblico verso una percezione più vicina alla realtà.
Mi sembra, inoltre, di aver messo dei range di prezzo nel questionario, in modo tale da non dover dare una risposta secca, che sarebbe impossibile appunto. Inoltre, la risposta può essere multipla, se si vuole ampliare il range ;) 

@Wanderer grazie per aver partecipato. Sono d’accordo con te: c’è tanti falsi professionisti, gente improvvisata che alimenta il mercato dell’improvvisato. In genere, il finto professionista si distingue dal vero anche in base ai prezzi che propone, molto più bassi rispetto alla media dei professionisti veri.
Con il questionario vado anche a indagare quanto incidono questi finti professionisti con i loro prezzi bassissimi e fuori logica sulla percezione globale del pubblico. :) 
Beatrice Spada, Graphic & Visual Designer
AIAP | Socia Professionista Junior
https://www.bs-designer.it
https://bspada.myportfolio.com/
https://www.copertinelibri.it

Re: Quanto costano i professionisti del settore editoriale?

7
Miss Ribston ha scritto: @Avv.Lenti grazie per l’intervento. Ho scelto di inserire come obbligatorie le risposte in quanto il questionario dovrebbe basarsi sul percepito del pubblico, come scritto. Se chi risponde sa le risposte precise è un di più rispetto gli intenti :)
Quindi andare a naso va benissimo. Quel che conta è la percezione, in modo tale che, in caso di percezione falsata, i professionisti possano intervenire per cercare di portare il pubblico verso una percezione più vicina alla realtà.
Mi sembra, inoltre, di aver messo dei range di prezzo nel questionario, in modo tale da non dover dare una risposta secca, che sarebbe impossibile appunto. Inoltre, la risposta può essere multipla, se si vuole ampliare il range ;) 

La ringrazio per il chiarimento e naturalmente non discuto oltre, perché Lei ha tutto il diritto di impostare il sondaggio come ritiene opportuno e il mio voleva essere solo un feedback spero utile. Tuttavia, davvero, ci sono domande in cui non ho proprio non solo contezza, ma neanche percezione al minimo sindacale e non mi sentirei di buttare cifre a caso, che falserebbero comunque l'intento del sondaggio. Reitero però l'apprezzamento per l'iniziativa ;)
www.avvocatomarinalenti.it
Rispondi

Torna a “Discussioni varie sul mondo editoriale”

cron