Siamo in ballo – storie di tormento e di speranza di Marcello Nucciarelli

Italia, Portogallo, Olanda, Svezia, Norvegia, Polonia, Francia, Finlandia, Argentina, Danimarca

Siamo in ballo – storie di tormento e di speranza di Marcello Nucciarelli

1
Siamo in ballo.jpg
Siamo in ballo.jpg (40.2 KiB) Visto 37 volte
Titolo: Siamo in ballo – storie di tormento e di speranza
Autore: Marcello Nucciarelli
Collana: Le Ossidiane
Casa editrice: Alcheringa Edizioni
ISBN: 9788894897265
Data di pubblicazione : 23 Giugno 2018
Prezzo:  12,90 (cartaceo)
Genere: Antologia di racconti, generi vari
Pagine: 275
Link all'acquisto:
IBS: https://www.ibs.it/siamo-in-ballo-stori ... 8894897265
Alcheringa Edizioni: https://www.blomming.com/it/prodotto/17 ... ranza.html
Il libro è disponibile anche su tutti gli altri store online; se desiderate riceverlo con dedica e spedizione gratuita lo potete ordinare direttamente a me con un messaggio privato.

Quarta di copertina:
Un tormentato amore adolescenziale, il sapore acidulo di un liquore slovacco, un solitario dai risvolti filosofici, l'incredibile avventura capitata a una senzatetto: non sono che alcune delle storie raccontate nelle pagine di “Siamo in ballo”.
Le popolano persone qualsiasi e personaggi di grande spessore, come Lech Wałęsa e Sandro Pertini, ma non mancano una gatta dal pelo fulvo e un cane che soffre di nostalgia. Li accomuna il trovarsi di fronte a scelte difficili, spesso dolorose, che decideranno del loro futuro.
I protagonisti della serie poliziesca di Gretije de Witt ritornano nei due racconti più corposi dei trentotto che compongono l'antologia, mentre negli altri l'autore trova spazio per sviluppare temi e sentimenti soltanto accennati nei romanzi.

Nota (dai ringraziamenti):
Buona parte dei racconti presenti in questa raccolta sono nati per partecipare ai contest che si tenevano periodicamente sul forum Writer's dream e in particolare a quello più longevo: il Mezzogiorno d'inchiostro, una gara dove in dodici ore, da mezzogiorno a mezzanotte, si doveva comporre un racconto di massimo ottomila caratteri, rispettando una traccia comunicata soltanto all'inizio della gara.
L'accuratezza dei commenti che si ricevevano erano utili in un secondo tempo per rielaborare i racconti, seguendo suggerimenti e consigli degli altri utenti. Per questo motivo i ringraziamenti vanno estesi a tutti gli iscritti al forum.
Un grazie speciale va a Chiara (@swetty ), per aver ideato l'isolotto di Ruca e per la mappa dettagliata che trovate a pag. 79.
"I gialli mi hanno sempre appassionato, ma anche l'ocra e il terra di siena mi sono sempre piaciuti molto." (Alessandro Bergonzoni)
https://www.facebook.com/nucciarelli.ma ... scrittore/

Re: Siamo in ballo – storie di tormento e di speranza di Marcello Nucciarelli

4
Odense - municipio e cattedrale.jpg
Odense - municipio e cattedrale.jpg (190.66 KiB) Visto 37 volte
Estratto dal racconto "Nuvole sopra i campi di colza":

"Aksel sedette al tavolo rotondo del soggiorno, ricoperto di centrini ricamati dalla nonna tanti anni prima, quando ancora le mani non erano sformate dal duro lavoro dei campi. Dalla porta spalancata e dalla finestra entrava il giallo intenso dei campi di colza che circondavano la fattoria. La luce rivestiva i mobili e le suppellettili della casupola. Misteriosi granelli di polvere d'oro, simili a minuscoli pepite, veleggiavano nell'aria; Aksel allungò la mano per afferrarne alcuni, ma rimase deluso, quando spalancando il pugno lo ritrovò vuoto.
Era incerto, non sapeva se fosse il momento giusto per mettersi in viaggio.
Non aveva considerato che non ci sarebbe più stato nessuno a dirgli se e quando fare le cose. Quella improvvisa consapevolezza lo tramortì per un attimo. Ne era affascinato, ma al contempo atterrito.
«Sono grande ora, decido io» mormorò posando lo sguardo sul ritratto del nonno appeso accanto al focolare, quasi l'immagine di quel contadino rugoso che non aveva fatto in tempo a conoscere potesse recargli conforto.
Quando il vecchio orologio a cucù batté le dodici, Aksel lo interpretò come il segnale che stava attendendo. Si alzò, prese una bottiglia d'acqua dal lavello e la ficcò a forza nello zaino. Gli sarebbe tornata utile, perché il viaggio era lungo. La nonna gli aveva detto un giorno che Odense, la città del suo amato Andersen, era oltre i loro campi di colza, oltre il pendio e oltre i campi di colza del vicino, che si stendevano fin dove lo sguardo poteva arrivare."
"I gialli mi hanno sempre appassionato, ma anche l'ocra e il terra di siena mi sono sempre piaciuti molto." (Alessandro Bergonzoni)
https://www.facebook.com/nucciarelli.ma ... scrittore/
Rispondi

Torna a “Le nostre pubblicazioni”