Pizza alla salsiccia

1
Commento

Tilli è un beagle felice. Passa le giornate dormicchiando o spaparanzata in giardino. Quando Tommi torna da scuola, giocano insieme fino all'ora di cena. Mentre il bambino fa i compiti, Tilli sta seduta accanto a lui con la lingua fuori. Vorrebbe che lui si sbrigasse, così se ne andrebbero a correre dietro a qualcosa insieme. Ma Tommi morde labbra e matita, una mano a reggergli la testa, così Tilli aspetta. E mentre aspetta ogni tanto si appisola e quando si sveglia è già ora di mangiare.
Dopo cena si siedono tutti in salotto: mamma e papà sul divano, Tilli e Tommi sul tappeto. Guardano un film o si sfidano a un gioco di società, Tilli abbaia per fare il tifo e appoggia il muso sul corpo di Tommi quando perde e si arrabbia.
Quando per Tommi è ora di andare a dormire, Tilli rimane sveglia con papà ancora per un po', poi lui le apre la porta del giardino e lei va a fare due passi nella notte. Non le piace tanto il buio, ma il giardino lo conosce bene e la luce che viene dalla casa la fa sentire meno spaventata.
Qualche volta si chiede come sia la vita “fuori”; qualche volta pensa di andare a fare un viaggio da sola, per conoscere ed esplorare. Ma Tommi le mancherebbe troppo, così aspetta l'estate, quando partono tutti insieme verso il mare per andare a cercare nuovi odori.

Oggi mamma è molto affettuosa. Non che di solito non lo sia, ma oggi accarezza Tilli e le parla in continuazione. La cagnolina capisce che qualcosa non va come dovrebbe: mamma parla, parla, ma il suo tono non è quello di sempre. È preoccupata, è triste. Tilli non capisce il significato delle parole che dice mamma, ma il tuo tono è evidente come una scatoletta aperta.
Tilli la guarda da sotto in su, non le stacca gli occhi di dosso. Mamma si muove frenetica, ma Tilli non vcapisce cosa stia facendo. Come se mamma girasse a vuoto. Tilli le dà un colpetto umido sulla gamba. Mamma si ferma e la guarda. Poi scoppia in lacrime, si inginocchia e la abbraccia.
Tilli rimane immobile; guaisce piano e appoggia il muso sulla sua spalla. Ma mamma è inconsolabile.

Oggi per colazione c'è il piatto preferito di Tilli: carne e riso. L'acquolina le annega la lingua non appena sente quel profumino delizioso. Cerca di trattenersi e rimanere seduta mentre mamma le riempie la ciotola, ma trema dalle zampe alla coda.
Quando ha il permesso di mangiare, Tilli si tuffa sui bocconi fumanti. Dopo si sente bella satolla e una piacevole debolezza le appesantisce le palpebre e le fa ciondolare la testa. Si sdraia soddisfatta sulla sua brandina e smette di fare resistenza al sonno che la bracca.

Tilli apre gli occhi impastati su un luogo sconosciuto: erba giallastra e secca e una latta vuota che puzza di olive rancide. Solleva la testa di scatto per guardarsi intorno, ma il mondo ondeggia e l’unica cosa che Tilli capisce è di trovarsi all’ombra di un ponte.
Appoggia di nuovo la testa sulle zampe anteriori e cerca di muoversi adagio. Ha molta sete e la nausea. Chiude gli occhi e aspetta che passi la sensazione di cadere, apre gli occhi ma il paesaggio non è ancora tornato al suo posto. In quel momento passa un camion che rimbomba tra l'asfalto e le travi del ponte. Tilli lo sente vibrare fin dentro le ossa. Dove si trova? E, soprattutto, come ci è arrivata? Le sue domande si perdono nel sonno che la assale di nuovo.

Sogna mamma che piange. Sogna un viaggio in macchina, si sente sballottata di qua e di là e riconosce il familiare borbottio del motore dell'auto di casa. Sogna papà che consola mamma, anche lui ha la voce triste. Cerca di avvicinarsi a loro per dargli una leccata, ma non riesce a raggiungerli. Li vede dietro una tenda di nebbia, come se non fossero reali.

Tilli si sveglia abbaiando, le sue zampe ancora corrono dietro al sogno. Niente di quello che ha visto è vero e lei è ancora sotto al ponte.

A quel punto le viene da piangere come ha fatto mamma. Di lacrime non ne ha, così guaisce e si ulula. Perché è sola? Ha fatto qualcosa di male? Questa è una punizione? Cosa farà da sola? Dove andrà? Chi le darà da mangiare? Pensa a Tommi, alla bella branda a scacchi verdi e rossi, usata al punto giusto da aver creato una comoda fossa, pensa all’enorme ciotola nera che si riempie puntuale due volte al giorno.
È colpa di quella pipì che le è scappata sul tappeto? Mamma si è arrabbiata molto, ma poi le è passata e lei non l'ha più fatto.
“Di scarpe non ne mangio da anni,” riflette Tilli e tira su col naso. “No, no, sono stata un cane molto ubbidiente.”
Tilli si dà una grattata dietro alle orecchie e guarda intorno a sé per la prima volta. Oltre il ponte, e oltre l’orizzonte, si stendono i campi: di case o di città non c’è traccia. Si gonfia i polmoni di aria, ma tutto fa odore di sconosciuto, a parte l’erba appena tagliata e i fiori gialli.

Tilli decide di mettersi in cammino; non ha senso rimanere sotto al ponte, le macchine che passano la ignorano e lei non sa che fare. In mezzo alla campagna non può stare, non è una da spazi aperti lei, è una cagnolina di città, abituata ai palazzi con tante finestre e alle macchine che sfrecciano su e giù. Qui c'è troppa pace, troppo silenzio e Tilli è sicura che di notte ci sia troppo buio. E non c’è niente da mangiare. Dovrebbe imparare a cacciare.
Tilli dà un'occhiata al cielo per vedere se ci siano degli uccelli in arrivo, ma l'aria è immobile e il blu, limpido e vuoto. A terra rotolano solo cartacce e lattine. Deve trovare una città, là sarà più facile riempirsi la pancia.
Tilli si mette in marcia lungo la strada asfaltata che si snoda tra i campi come un interminabile serpente senza strisce.
Dopo ore di cammino, e di lingua a penzoloni, Tilli salta eccitata alla vista di un tetto che sbuca tra gli alberi. Non ci sono odori particolari. Tilli si avvicina. Che cos'ha da perdere? Non vede né macchine, né persone. Il posto pare abbandonato. Le porte e le finestre sono coperte di assi di legno, Tilli ne spinge qualcuna, ma è stanca e ha molta sete e niente si muove.
La terra è secca e polverosa come farina. “Dev'essere molto tempo che non piove da queste parti,” pensa Tilli mentre trascina le zampe nel cortile. Per fortuna qualcuno ha lasciato un secchio sotto la grondaia e dentro c'è ancora un po' d'acqua. Tilli ci immerge la lingua, disgustata dalla sfumatura verdognola che odora di rane. Ma bere bisogna bere.
Mentre lappa, cercando di perdere meno liquido possibile in spruzzi incontrollati, con la coda dell'occhio cattura un movimento. Una lunga fila di formiche grasse marcia verso la casa.
Tilli si avvicina alla colonna nera e ben sincronizzata e le osserva con interesse. Uno dietro l'altro, ognuno di quei puntolini scuri tiene sulla schiena una briciolina, un frammento di qualcosa. Ci sono dei gruppetti di due o tre che trasportano dei pezzetti più grossi aiutandosi l'una con l'altra. Addirittura un moscone morto stecchito e con le zampe per aria.
Tilli cerca l'inizio della fila per vedere dove vanno, ma la sottile carovana s'inerpica su per la parete e lei non riesce a vederne il capo. Così la segue al contrario, fino alla coda, osservandola così da vicino che a un certo punto, insieme a un respiro, risucchia una formichina dentro alla narice destra. Sente un solletico quasi insopportabile che le fa pizzicare un occhio e etciù, starnutisce.
Quando apre gli occhi, la formichina che ha sparato fuori dal naso sta cadendo verso terra a tutta velocità. Preoccupatissima Tilli si precipita da lei:
«Formichina,» chiama Tilli. «Stai bene? Ti sei fatta male?»
La formichina scuote le antenne un po' intontita dal volo, ma per niente ammaccata.
«Proprio un bel volo, cane.» La formichina guarda il beagle che, dalla sua prospettiva, appare alto come una montagna. Ma la formichina è abituata al fatto di essere sempre la più piccola. «Non ti ho mai visto da queste parti. Sei nuovo?»
«Mi chiamo Tilli», il beagle darebbe un'annusata conoscitiva alla sua nuova amica, ma ha paura di farle fare un nuovo volo, magari meno fortunato del primo. «Mi sono svegliata poco lontano da qui. Non so neanche come ci sono arrivata, fino a questa mattina ero a casa mia, con la mia famiglia».
La formichina intanto si è liberata del muco che le è rimasto appiccicato addosso dentro al naso del beagle.
«Mi dispiace, Tilli. Ora, scusami, devo tornare a lavorare». L'animaletto non aspetta risposte, si gira e si incammina veloce per tornare dalle sue sorelle.
«Aspetta, formichina.» Tilli non si muove. La formica nel suo correre, non ha coperto nemmeno la distanza di un suo passo. «È la prima volta che sono da sola e senza una casa. Non so dove andare a dormire e dove trovare cibo».
La formichina si è girata e la guarda.
«Io vivo in un formicaio, Tilli. Lavoro tutto il giorno e tutta la notte, non ho tempo di fare altro». Sembra pensarci un po' su. «In realtà non so fare altro. E senza le mie sorelle sarei perduta. Mi dispiace, ma non posso aiutarti». Detto ciò, la formichina gira le antenne, poi il resto del corpicino la segue e lei riprende la corsa per tornare al suo posto nella fila.
Per un po' Tilli rimane a osservare le formiche che lavorano senza interruzione. Un brontolio dello stomaco la riporta alla realtà, così si rimette in cammino.

Dopo aver trotterellato per un po' sotto il sole cocente di mezzogiorno, Tilli avverte uno stuzzicante profumo di spazzatura calda. Allunga il passo fino a sbucare in una stazione di servizio dove troneggia un cassonetto verde e ben pasciuto. Il beagle si lascia scappare un sospiro di sollievo: si mangia.
Si affretta verso il bidone, salta su delle cassette ammucchiate alla rinfusa e si alza sulle zampe posteriori per affacciarsi sul bordo, prendere la spinta e saltarci dentro. Tre gatti sporchi e macilenti la fissano minacciosi dall'interno.
«Via di qua, cane. Ci siamo prima noi,» soffia un gatto pieno di cicatrici e con solo mezza coda. «Smamma,» rincara la dose quello con le orecchie smangiucchiate.
Il terzo si limita a fissare Tilli in gattesco, con tutti i peli dritti sulla schiena arcuata.
«Scusate, non volevo disturbare.» Tilli cerca di essere gentile, benché il suo istinto la spinga ad alzare la voce. «Ho sentito odore di cibo e sono venuta a vedere. Ho davvero molta fame, magari è rimasto qualcosa.»
«Qui non c'è niente per te, cane. Fila via!» Coda mozza è pronto a spiccare un balzo.
«Potete suggerirmi dove cercare qualcosa da mettere sotto i denti? Sono nuova sulla strada e non so come procurarmi cibo da sola».
I tre gatti riprendono a mangiare il pezzo di formaggio verde su cui erano impegnati al suo arrivo, come se lei non avesse detto una parola. Ma Tilli ha troppa fame, i brontolii dello stomaco hanno rimpiazzato i pensieri del cervello, così spicca un balzo dentro al cassonetto.
I gatti saltano tutti insieme; in un secondo Tilli si ritrova coperta di denti e di unghie che, veloci e appuntite come zanzare, si piantano un po' ovunque. Tilli agita le zampe di qua e di là cercando di togliersi i gatti di dosso. A un certo punto le capita una coda tra i denti, così la morde.
Ma si tratta di Coda mozza che è molto sensibile su quell'argomento. Il gattaccio si gira e la graffia sul muso più e più volte, mentre i suoi compagni si concentrano sulle zampe. Ferita e un po' sanguinante, Tilli ringhia tutta la sua disperazione e salta fuori dal bidone, corre senza fermarsi mentre i miagolii arrabbiati dei tre gatti si perdono dietro di lei.

Quando le sembra di essere abbastanza lontana e quando è ormai senza fiato, Tilli si ferma poco distante dalle prime case del centro abitato. Le ombre si allungano e l'aria si fa più fresca, almeno è arrivata in città prima di sera. Un brivido le corre lungo la schiena mentre le orecchie le accarezzano la testa. Non avrà paura. No! Troverà un posto per dormire e qualcosa da mangiare. Un rumore di piccoli passi veloci la fa girare su se stessa come una trottola.
«Chi c'è?» Tilli sussulta.
Una risata cattiva fa tremare una montagna di scatoloni che sembra franata addosso alla casa lì a fianco.
«Grande, grosso e spaventato dalla sua stessa ombra.» Un topo grigio coi baffi che vibrano sbuca da una grotta di cartone. Il roditore annusa l’aria intorno a Tilli e sogghigna. «Sento puzza di paura, cane».
«Signor Topo, cerco cibo e un posto per dormire,» spiega Tilli con molta educazione, ma il topo scoppia di nuovo a ridere come se avesse appena sentito una barzelletta micidiale.
«E chiedi aiuto a me?» sembra che il topo si stia divertendo un mondo, tutto il suo corpo è scosso dalle risate. «Per la strada ognuno pensa per sé, cavatela da solo, cane!» sentenzia il topo. Si infila di nuovo sotto ai cartoni e scompare.

Tilli si siede e rimugina sulle parole dell'animale. A quanto pare nessuno ha bisogno di lei e lei deve imparare a non aver bisogno di nessuno. Come fare?

Il beagle riprende il cammino e si inoltra nel parco che si apre al di là della strada. Cammina a testa bassa lungo il sentiero, ignorando persino le ombre scure degli alberi, quando un odore fa accendere le spie di tutti i suoi sensi.
“Pizza alla salsiccia!” pensa Tilli mentre la bava scivola da un angolo della bocca. Segue il profumo come se non esistesse altro nel mondo, lo stomaco le dà un coraggio sufficiente per conquistare le pizzerie dell'intera città.
La pizza se ne sta lì, sola e fumante, sopra una panchina. Incredibile. Le zampe di Tilli si stanno già dirigendo al bottino quando l'istinto le dice di frenare e dare un'occhiata in giro.
Il beagle ascolta il suggerimento a metà; senza fermarsi, guarda di qua e di là, ma senza perdere di vista la salsiccia. Con un ultimo balzo si getta sul pasto, azzanna la scatola tra i denti e corre verso gli alberi.
Mentre mastica soddisfatta il secondo pezzo di pizza ormai fredda, Tilli sente qualcuno che piange. Alza il muso ripescando con la lingua un pezzo di salsiccia che voleva scappare. Un uomo è seduto sulla panchina al posto della pizza. Tiene le mani tra le ginocchia e le spalle basse, piegate in avanti. Piange piano. Di fianco a lui un carrello da supermercato resta in attesa pieno di coperte e sacchettini.
“Ognuno pensa per sé, ha detto il topo,” riflette Tilli. “Non doveva abbandonare la cena sulla panchina.” Riprende a sgranocchiare un pezzo croccante di crosta. Ma ora che il suo stomaco non la fa più da padrone, il senso di colpa che le suggerisce la testa la costringe a lanciare un nuovo sguardo all'uomo con i vestiti sporchi. Tilli manda giù il boccone che ha in bocca che le cade nello stomaco come una pietra in un laghetto.
Guarda la pizza con affetto, guarda l'uomo sulla panchina cercando di farlo sparire con la forza del pensiero. Poi sospira. Afferra il cartone tra i denti e trotterella verso quello che probabilmente sarà lo sbaglio più grande della sua vita.

Tilli appoggia la pizza ai piedi dell'uomo e abbaia. Quello alza la testa sorpreso, mettendo in mostra la barba grigia, le unghie nere, gli occhi umidi. Si fissano un momento. Tilli è pronta a tuffarsi tra gli alberi e scomparire in un secondo. L'uomo sembra indeciso sul da farsi.
«Grazie, cane,» esclama infine l’uomo, poi protende la mano verso la pizza e ne raccoglie una fetta. «Tieni.» La mano e la pizza si allungano verso Tilli che le guarda diffidente. “Ognuno per sé ha detto il topo,” riflette ancora sentendo la risata di scherno del roditore. “Magari non vale per tutti.”
Tilli fa un passo verso l'uomo che ha un odore ancora più intenso di quello della salsiccia e afferra la fetta con i denti senza perderlo d'occhio. Ma l'uomo sta già addentando la sua parte e non si preoccupa più di lei. Mastica con la stessa voracità che aveva Tilli al primo boccone. “Anche lui ha molta fame.”
Decide di rischiare e di fidarsi, in fondo lei non ha un lavoro a cui dedicare anima e corpo come la formichina e non è furba come i gatti scheletrici che ha incontrato nel cassonetto. A quanto pare, non è nemmeno d'accordo con il topo.
Tilli si accuccia di fianco all'uomo e si rimette a mangiare.
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
Le radici del fiordaliso

Re: Pizza alla salsiccia

2
Un bel racconto, @Kikki. Una storia per bambini con un finale non scontato, ricca d'insegnamenti chiari, come è ovvio nella narrativa per l'infanzia, e gonfia di commozione. Immagino i bambini scoppiare in lacrime e bloccare la voce di chi racconta chiedendo perché? perché Tilli non torna dal suo Tommi? 
Significativo, e intelligente, il fatto che Tommi non sia più nominato. Per Tilli, quella parte di vita è finita; ora ne inizia un'altra, forse più intensa della prima. 
Ne verrebbe fuori un libretto assai grazioso: lo immagino degnamente illustrato in tutte le fasi dell'odissea del piccolo cane. 

Passo a un'analisi puntuale del testo.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amMentre il bambino fa i compiti, Tilli sta seduta accanto a lui con la lingua fuori. 
Qui specificherei la posizione di Tilli, altrimenti sembra sia su una sedia accanto al bambino. Se è davvero così, lo specificherei meglio. Più che "lingua fuori", opterei per "penzoloni".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amVorrebbe che lui si sbrigasse, così se ne andrebbero a correre dietro a qualcosa insieme.
Sposterei l'avverbio dopo "correre".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amMa Tommi morde labbra e matita, una mano a reggergli la testa
Cambierei costruzione, un po' involuta secondo me per un bambino. Ti propongo: "Ma Tommi si regge la testa con la mano e mordicchia la matita: così Tilli aspetta".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 ame appoggia il muso sul corpo
Forse è preferibile specificare dove: la pancia, la coscia, ooppure la schiena, se il bimbo è sdraiato e non seduto sul tappeto.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 ampoi lui le apre la porta del giardino e lei va a fare due passi nella notte.
Bello.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amTilli la guarda da sotto in su, non le stacca gli occhi di dosso.
Ben reso il tipico atteggiamento canino.
Ti segnalo poco oltre il piccolo refuso "vcapisce".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amTilli le dà un colpetto umido sulla gamba. 
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amma trema dalle zampe alla coda.
Anche queste modalità comportamentali sono ottimamente rese.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amHa fatto qualcosa di male? Questa è una punizione? Cosa farà da sola? Dove andrà? Chi le darà da mangiare?
A mio avviso questa raffica di domande andrebbe evitata: lascerei solo la prima, "Perché è sola?". Più avanti dai risposta a tutto, e qui la sequenza di interrogativi mi sembra appesantisca e banalizzi il momento narrativo.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amDovrebbe imparare a cacciare.
Ecco che, nei momenti più pericolosi e drammatici, escono fuori tutte le risorse che abbiamo nascoste dentro di noi. Bello. 
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amFormichina,» chiama Tilli. «Stai bene? Ti sei fatta male?»
Tilli è davvero una cagnetta empatica e attenta. Non dimentica chi la circonda neppure nei momenti bui.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amOgnuno per sé ha detto il topo,” riflette ancora sentendo la risata di scherno del roditore. “Magari non vale per tutti.”
:)
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amDecide di rischiare e di fidarsi
Brava Tilli. 
Del racconto mi è piaciuto in modo particolare come hai governato i sentimenti: non hai temuto la commozione sfrenata che causa in chi legge (soprattutto se è un bambino!) l'abbandono sconsiderato, né il cambio totale di rotta, che porta con sé scoperte inusuali e nuove felicità.

Grazie per la lettura, Kikki.

Re: Pizza alla salsiccia

3
Cara @Ippolita, questo è un racconto che mi fa penare e pensare; è un po' che gira e che io me lo rigiro e continuo a non mettere a fuoco bene. Mi piace, tengo all'argomento o forse agli argomenti, ma credo che manchi di focus, proprio perché gli argomenti sono troppi in uno spazio troppo ridotto. C'è l'abbandono di un animale domestico, ci sono i senza tetto, anche se rimane marginale, c'è la sopravvivenza, l'indipendenza... insomma, troppa carne al fuoco credo. Eppure non riesco a lasciare andare il racconto o a rivoluzionarlo in maniera funzionale.
Secondo me la parte iniziale è troppo lunga considerando la dimensione del racconto. In principio l'idea era far tornare Tilli da Tommi e far partire Tommi da casa alla ricerca di Tilli, ma credo che questa sia un'altra storia del tutto  :D
Grazie mille per le tue considerazioni, molto gradite  :flower:
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
Le radici del fiordaliso

Re: Pizza alla salsiccia

4
Il tono leggero e delicato e perfetto per questa favola fin troppo ottimista e fiduciosa nel genere umano. La cagnolina Trilli assomiglia non solo nel nome alla fatina di " Peter Pan" : il suo istinto c'è, ma viene viziato dal suo amore per l'uomo che da un alto l'ha resa poco adatta alla vita reale e dall'altro le ha dato la caparbietà di rifiutare una visione determinista e senza possibilità di cambiamento . Ovviamente, come tu stessa dici, l'obbligo di lunghezza massima del brano ha molto limitato la possibilità di un maggior approfondimento dei caratteri e delle motivazioni dei personaggi, cosa che invece avrebbe dato molto più spessore al racconto.  In questo mi trovo sulla stessa linea del commento precedente : perché la cagnolina non si dispera e non si chiede la ragione dell'assenza del bambino suo compagno di giochi? Come giustamente hai proposto il tuo lavoro si inserisce nel filone della narrativa per ragazzi, ma cosi facendo perde la sua potenzialità di ess4re una parabola per grandi e piccoli con buoni spunti di riflessione. Riguardo  alla parte grammaticale e sintattica mi sembra sufficiente quello che è già stato detto nel commento precedente anche perché il brano scorre piacevolmente e senza difficoltà ne involuzioni.   

Re: Pizza alla salsiccia

5
Sarano ha scritto: fin troppo ottimista e fiduciosa nel genere umano.
dici che è troppo?
Sarano ha scritto: e senza possibilità di cambiamento
perché dici questo? Tilli, non Trilli la fatina  :P , cambia, cresce, diventa autonoma, non si fida subito dell'umano che incontra ed è lei a decidere di andare da lui per aiutarlo, non aspetta che qualcuno le dia da mangiare, ma decide di condividere il suo cibo con qualcun altro. Secondo me la differenza c'è. Forse è il fatto che Tilli inizia la sua storia con un umano e torna di fianco a un altro umano alla fine e il messaggio diventa: da sola non ce la faccio, ho bisogno di persone al mio fianco? Forse. Ma non conosco molti cani autonomi, nel senso che vivono senza padroni o umani nelle vicinanze. In realtà, qui in Grecia il problema dei cani abbandonati è molto grosso, i cani si radunano in branchi e scorrazzano nei boschi e vicino alle città, spesso anche nei parchi cittadini. Molte persone sono state attaccate, e questo perché non hanno abbastanza da mangiare. 
Ippolita ha scritto: Significativo, e intelligente, il fatto che Tommi non sia più nominato. Per Tilli, quella parte di vita è finita; ora ne inizia un'altra, forse più intensa della prima. 
scusa se ti tiro in ballo, @Ippolita, volevo far notare a @Sarano che il vostro parere è discordante su questo punto
Sarano ha scritto: perché la cagnolina non si dispera e non si chiede la ragione dell'assenza del bambino suo compagno di giochi?
si dispera all'inizio, si chiede cosa sia successo e se sia colpa sua, ma è un cane, non avrà mai certe risposte, non comprenderà mai certi comportamenti e Tilli deve dare importanza ad altre priorità se vuole sopravvivere. Io almeno l'ho vista così, certo non sono un cane e non ho la più pallida idea se funzioni davvero così, ma ho pensato che in una situazione di necessità anche gli esseri umani non rimangono seduti a disperarsi e basta, fanno di tutto per sopravvivere e sopravvivere significa trovare cibo e adattarsi alla situazione in cui ci si ritrova. Forse quando Tilli avrà raggiunto una stabilità nella sua nuova situazione si chiederà cosa è successo, dov'è Tommi, forse partirà per andare a cercarlo e scoprire la verità  :love:
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
Le radici del fiordaliso

Re: Pizza alla salsiccia

6
Kikki ha scritto: Mi piace, tengo all'argomento o forse agli argomenti, ma credo che manchi di focus, proprio perché gli argomenti sono troppi in uno spazio troppo ridotto. C'è l'abbandono di un animale domestico, ci sono i senza tetto, anche se rimane marginale, c'è la sopravvivenza, l'indipendenza... insomma, troppa carne al fuoco credo. 
(...)
Secondo me la parte iniziale è troppo lunga considerando la dimensione del racconto. In principio l'idea era far tornare Tilli da Tommi e far partire Tommi da casa alla ricerca di Tilli, ma credo che questa sia un'altra storia del tutto 
Cara @Kikki, sono contenta che mi hai chiamata, perché da tempo volevo rispondere a quello che scrivi sopra. 
Io non credo che il racconto manchi di focus, e la "troppa carne al fuoco" ha ragione di esistere. Tilli comincia un'altra vita: è doloroso, ma è così.
Riguardo a inserire di nuovo Tommi, va benissimo: se c'è un lieto fine tanto meglio, e il racconto potrebbe diventare un piccolo romanzo. Ma anche così come l'ho letto, mi è piaciuto e non mi è sembrato monco. 

Per rispondere a @Sarano, che saluto, le domande che giustamente sottolinei le mettevo in bocca ai bambini, non ero io a pormele: scrivevo a Kikki che immaginavo appunto i bambini commossi dalla separazione. È utile, però, che tramite le storie essi sublimimo le sofferenze che, purtroppo, a volte li coinvolgono.
Grazie a entrambi!

Re: Pizza alla salsiccia

7
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amTilli è un beagle felice. Passa le giornate dormicchiando o spaparanzata in giardino.
Non so perché, ma la testa mi ha fatto pensare a Tilli come un nome da cane maschio. Forse perché c'è "un beagle" invece di "una beagle" (in una realtà in cui ormai si storpia di tutto e ci si ritrova a che fare con "una assessora" o "una sindaca", ...).
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amQuando Tommi torna da scuola, giocano insieme fino all'ora di cena. Mentre il bambino fa i compiti, Tilli sta seduta accanto a lui con la lingua fuori.
Non mi suona molro, al posto di "giocano insieme fino all'ora di cena" avrei scritto un "vorrebbe giocare con lui fino all'ora di cena". Per un fatto che ho percepito la prima frase come una contraddizione della seconda (nel senso che se gioca non fa i compiti).
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amE mentre aspetta ogni tanto si appisola e quando si sveglia è già ora di mangiare.
Mi sa che manca una virgola. Mi conosci, io la metterei in ogni pausa (e, mentre aspetta, ogni tanto si appisola e, quando si sveglia, è già ora di mangiare) ma comunque dopo "aspetta" e dopo "sveglia" ne metterei una comunque.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amTilli abbaia per fare il tifo e appoggia il muso sul corpo di Tommi quando perde e si arrabbia.
Quanto sono belli i racconti per ragazzi!
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amOggi mamma è molto affettuosa. Non che di solito non lo sia, ma oggi accarezza Tilli e le parla in continuazione.
La prima volta che ho letto questo passaggio - ma ho delle sensazioni per tutto il racconto - ho pensato a un altro tuo racconto di cui non ricordo bene il nome. Mi sembra si chiamasse "manzo e verdure" e anche lì ricordo che un cane (maschio) veniva abbandonato e si ritrovava a lottare per la vita. Però sono passati, credo, almeno due anni e già per conto mio faccio fatica a ricordare quello che ho fatto ieri... :facepalm:
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amma il tuo tono è evidente come una scatoletta aperta
Credo "suo" al posto di "tuo" (qui devo imparare a giostrarmi con il grassetto e il corsivo, quindi per ora metto gli apici).
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amMamma si muove frenetica, ma Tilli non vcapisce cosa stia facendo. Come se mamma girasse a vuoto.
Mamma si muove frenetica, ma Tilli non "capisce" cosa stia facendo (virgola) come se girasse a vuoto.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amma il mondo ondeggia e l’unica cosa che Tilli capisce è di trovarsi all’ombra di un ponte.
Anche qui metterei qualche virgola in più.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amA quel punto le viene da piangere come ha fatto mamma
In realtà non ha pianto ma l'ha vista piangere. Forse meglio un "a quel punto le viene da piangere come (per) mamma".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amma tutto fa odore di sconosciuto
"fa odore" non mi convince molto, la percepisco come una cosa dialettale (dalle mie parti si dice così) forse meglio "ha l'odore di sconosciuto".
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amnon è una da spazi aperti lei, è una cagnolina di città,
Il "lei" non mi sembra corretto. Per me è giusto risaltarlo con una virgola prima perché altrimenti mi sembra di percepirlo come soggetto di "è una cagnolina di città" separato da una virgola di troppo. Meglio ancora toglierlo e basta.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amma l'aria è immobile e il blu, limpido e vuoto
Qui invece la virgola, per me, è di troppo.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amLe porte e le finestre sono coperte di assi di legno
Questa cosa l'ho cercata
https://www.treccani.it/magazine/lingua ... a_901.html
e in teoria ci sta, però ho sempre il sapore di una frase con verbo al passivo (dunque "coperte da").
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amCosì la segue al contrario, fino alla coda, osservandola così da vicino che a un certo punto, insieme a un respiro, risucchia una formichina dentro alla narice destra.
"... fino alla coda (punto). La osserva/scruta talmente da vicino che, a un certo punto, ..."
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amche le fa pizzicare un occhio e etciù, starnutisce
"etciù" l'avrei messo tra virgolette (e avrei usato "ed" prima).
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amLa formichina intanto si è liberata del muco che le è rimasto appiccicato addosso dentro al naso del beagle.
Avrei messo "intanto" tra virgole.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amDopo aver trotterellato per un po' sotto il sole cocente di mezzogiorno, Tilli avverte uno stuzzicante profumo di spazzatura calda. Allunga il passo fino a sbucare in una stazione di servizio dove troneggia un cassonetto verde e ben pasciuto. Il beagle si lascia scappare un sospiro di sollievo: si mangia.
Sarei stato un po' più "freddo". Per quanto i morsi della fame giustificano un rapido adattamento o un cambio di vedute, non so quanto possa trovare "stuzzicante" o "deliziosa" l'immondizia un cane abituato fino a poche ore vita a una vita casalinga supercoccolata.
Kikki ha scritto: ven mar 05, 2021 8:35 amQuando le sembra di essere abbastanza lontana e quando è ormai senza fiato
Una virgola al posto di "e quando".

Ok, @Kikki, ti ho fatto le pulci più assurde perché vorrei postare qualcosa... ma anche perché non mi riportano le virgole in questo racconto. Però sai che io metterei una virgola a ogni sospiro, quindi posso dirti anche di saltarle le indicazioni sulle virgole (che poi ho messo quelle che credo più importanti).
Scherzi a parte, il bello di questo racconto è quello di rispondere a una domanda - generale e particolare - che in genere nessuno si chiede e di farlo, proprio, nella forma più pura di un racconto per ragazzi. In generale è "che cosa prova l'altro?" e in particolare si tratta di far vedere/capire il punto di vista di un cagnolino abbandonato.
Bisognerebbe proseguire e avere voce in un filone di "racconti sociali", quelli che fanno un po' pensare e che destano l'attenzione su tante cose che si danno per scontate o alle quali non si fa nemmeno caso.
Ma l'abbandono degli animali non è l'unica tematica "importante" perché anche il calore dell'amicizia o, meglio, il contrasto tra la filosofia della sopravvivenza e quella della collaborazione. Il tutto nella leggerezza di un racconto per bambini. Non voglio essere noioso, voglio specificarla questa cosa perché riuscire a trasmettere in forma semplice (o a un pubblico giovane) determinate tematiche per me è un "tanto di cappello".
Ho letto anche gli altri commenti - ma l'ho fatto dopo che ho scritto un 2/3 di questo (quindi ho visto che ti è stato segnalato il "vcapisce" per es., ma non voglio litigare con l'editor quindi ce lo lascio :asd: ) - e non sono d'accordo in molti punti. Parlo per me e mi spiego meglio: in un racconto per ragazzi troverei superfluo un lungo focus sulla mente o sui pensieri del protagonista o sulle domande esistenziali, credo sia più importante il sentimento dovuto alle azioni o ai cambiamenti, così come la trama in senso generale. Per me, dunque, non manca un "riflettere sulla siutazione o chiedersi perché non c'è Tommi", ma uno sviluppo della storia in generale che mi sembra bloccata... a un incipit. Mi aspetto che accada altro, mi sembra un po' sacrificato questo finale che lascia aperta una miriade di opzioni.
Forse una crescita del personaggio, un ritrovarsi con Tommi (magari scappato di casa per cercarla), un non ritrovarsi con Tommi (magari l'ha cercata ma lei non vuole perché si considera abbandonata). C'è molta carne al fuoco e non è un male, però per me manca qualcosa per terminarlo.

Alla prossima lettura! :ciaociao:
https://www.facebook.com/curiosamate

Re: Pizza alla salsiccia

8
Altro che poca memoria, @bwv582, il racconto che dici tu si chiamava Una pizza per Lola ed era questo in versione ridotta e poco curata. 
bwv582 ha scritto: In generale è "che cosa prova l'altro?" e in particolare si tratta di far vedere/capire il punto di vista di un cagnolino abbandonato.
molto bello questo, non ci avevo proprio pensato, ma hai ragione!
bwv582 ha scritto: Bisognerebbe proseguire e avere voce in un filone di "racconti sociali",
era proprio questa la mia idea, infatti per ora ho parlato, a modo mio, di abbandono degli animali domestici e di senza tetto, in questo e nel racconto che citi tu Manzo e patate. Poi ce ne sono stati degli altri che parlavano di inquinamento in mare, di rifugiati, di animali selvatici avvicinati dall'uomo, di spazzatura per le strade, di deforestazione, insomma, ci sto lavorando  :)
bwv582 ha scritto: Mi aspetto che accada altro, mi sembra un po' sacrificato questo finale che lascia aperta una miriade di opzioni.
anche questo può essere, ma non ne sono certa. La cosa più probabile è che prima o poi riesca a trovargli il taglio giusto e a farlo diventare un racconto fatto e finito così com'è. Insomma, c'è da togliere un po' di carne dal fuoco.
Grazie mille, caro bw, sempre prezioso e attento  :love:
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
Le radici del fiordaliso
Rispondi

Torna a “Racconti lunghi”

cron