La punta di un dito

1
Dopo la bufera notturna, la mattinata era chiarissima, e l’aria tersa al punto che a Maria pareva di toccare i monti
attorno con la punta delle dita.

Così scrissi sei anni fa. Vo correggendo e cassando. Caccio il gerundio come neppure un noto magister sarebbe andato osando...
Ma, perbacco, mi accorgo che, a rigor di logica, avrei dovuto scrivere la punta di un dito o le punte delle dita. Giusto?
Per la cronaca, ho preferito Dopo la bufera notturna, la mattinata era tersa al punto che a Maria pareva di toccare i monti con le dita.

Re: La punta di un dito

2
Fraudolente ha scritto:Per la cronaca, ho preferito Dopo la bufera notturna, la mattinata era tersa al punto che a Maria pareva di toccare i monti con le dita.

Per me, va benissimo :)



Fraudolente ha scritto:a rigor di logica, avrei dovuto scrivere la punta di un dito o le punte delle dita. Giusto?
Giusto!
Ma con "con le dita" ti sei tolto saggiamente le castagne dal fuoco e… si vede che c'è un po' di mestiere ;)
Il Sommo Misantropo

Re: La punta di un dito

3
Fraudolente ha scritto: ven gen 08, 2021 7:22 pm avrei dovuto scrivere la punta di un dito o le punte delle dita. Giusto?
Non ricordo la regola esatta, né se ce ne sia davvero una, ma mi sembra che in generale nelle locuzioni di questo tipo si usi il singolare per il primo dei due elementi: "la punta delle dita", "in punta di piedi", "il palmo delle mani" "la suola delle scarpe" eccetera. Non credo che la forma al plurale sia sbagliata, ma quella al singolare è in genere la più diffusa.
(Vado a memoria, forse sono tutte castronerie, prendetele con le pinze :D )
I intend to live forever, or die trying.
(Groucho Marx)

Re: La punta di un dito

4
Sono d'accordo con @Bef.
"Con la punta delle dita" mi sembra più che corretto.

Tra l'altro, lo preferisco alla soluzione finale che hai scelto. Se parli di toccare qualcosa "con la punta delle dita", comunichi una sensazione ben precisa (un tocco accennato, una percezione delicata, qualcosa di lontano ma non troppo...), se invece parli solo di "toccare" perdi tutta quella sfumatura. A quel punto non ha nemmeno senso specificare "con le dita". Diventa quasi pleonastico.

Poi, secondo me, la sensazione non è tanto quella del toccare, ma del poter toccare. Una cosa appare tanto vicina che sembra di poterla toccare. È una percezione legata più alla sfera della vista che del tatto.

Cambierei quindi in:
Dopo la bufera notturna, la mattinata era tersa al punto che a Maria pareva di poter toccare i monti con la punta delle dita.

Re: La punta di un dito

6
Bef ha scritto: Non ricordo la regola esatta, né se ce ne sia davvero una, ma mi sembra che in generale nelle locuzioni di questo tipo si usi il singolare per il primo dei due elementi: "la punta delle dita", "in punta di piedi", "il palmo delle mani" "la suola delle scarpe" eccetera
Marcello ha scritto:Io scriverei "con i diti" (cit. Fantozzi).
Ce l'avevo sulle punte della lingua!

Re: La punta di un dito

9
mutantboy ha scritto: mer gen 13, 2021 10:05 am Senza nessuna ricerca linguistica, ma così a sensazione, io avrei messo "con la punta di un dito".
Con la punta di un dito bisognerebbe toccare un monte alla volta.
Bef ha scritto: Non ricordo la regola esatta, né se ce ne sia davvero una, ma mi sembra che in generale nelle locuzioni di questo tipo si usi il singolare per il primo dei due elementi: "la punta delle dita", "in punta di piedi", "il palmo delle mani" "la suola delle scarpe" eccetera. Non credo che la forma al plurale sia sbagliata, ma quella al singolare è in genere la più diffusa.
Credo proprio sia così.


Alter rixatur de lana saepe caprina...

Re: La punta di un dito

10
Come ha già scritto @Bef, è corretto "La punta delle dita".
... In compenso detesto nel mio intimo tutti coloro che dicono/scrivono "le unghia". :fiamme: :facepalm:
In forma arcaica, in realtà, il singolare non è raro, ma la moderna grammatica italiana ha fatto prevalere il plurale: le unghie.
cron