Re: Congiunzioni eufoniche

1
La faccenda qui sembrerebbe risolta: https://accademiadellacrusca.it/it/cons ... ufonica/15
Perché riesumarla?
Il crimine: in carne ed ossa.
Scrivo di getto e ci schiaffo una bella “d”. Quando la elimino, secondo i sacri dettami, non mi “suona”.
In carne ed ossa pare meglio. Perché? Sono tre le vocali in fila: carne e ossa è uno scioglilingua cacofonico.
Cito l’Accademia della Crusca: dobbiamo comunque tener presente che la d eufonica non è un elemento posticcio, ma trova la sua origine nella struttura originaria delle due parole interessate che in latino erano et e ad.
Se ne dovrebbe dedurre che, se non fila liscio, una piccola “d”ci può stare.
Non sparate sul “pianista”…

Santuccio è un serviente del tredicesimo secolo, un fifone che affronta da solo il tragitto per Granaria. Questo è il suo pensiero:
“Domineddio non consentirà due disgrazie nello stesso loco! Alla peggio, troverò gli spirti dei sicari dei Parcitadi, ma nessuno di carne e d'ossa. Traverserò il guado della Conca.”

Di carne e d’ossa calza a pennello. Perché?

Certo, quantunque tu te l’affermi, io non credo che tu il creda: e tu medesimo di’ che la moglie tua è femina e che ella è di carne e d’ossa come son l’altre.
https://it.wikisource.org/wiki/Pagina:B ... I.djvu/164

Come dice @dyskolos , ci vuol “mestiere”!

Comunque sia, se ci sono tre vocali in fila, e la frase non fila, che facciamo?
Se leggo in carne e ossa, rischio di “mangiarmi” la congiunzione. Con in carne ed ossa, la evidenzio.

Questione di “crusca” caprina!

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

2
Le "d" eufoniche non sono un errore, semplicemente nell'uso moderno della lingua si tende a utilizzarle soltanto quando c'è l'incontro tra due vocali identiche.
A me "carne e ossa" suona benissimo, ad esempio: se a te non piace mettigli la "d" e siamo tutti contenti.
E adesso mi defilo: hai chiamato in causa @dyskolos e lui scriverà almeno tre o quattro pagine sull'argomento; io fra poco devo preparare il pranzo... :asd:
"I gialli mi hanno sempre appassionato, ma anche l'ocra e il terra di siena mi sono sempre piaciuti molto." (Alessandro Bergonzoni)
https://www.facebook.com/nucciarelli.ma ... scrittore/

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

5
Marcello ha scritto: sab gen 23, 2021 11:56 am E adesso mi defilo: hai chiamato in causa @dyskolos e lui scriverà almeno tre o quattro pagine sull'argomento; io fra poco devo preparare il pranzo... :asd:

Anche cinque o sei :D
Buon pranzo!


Fraudolente ha scritto: Come dice @dyskolos , ci vuol “mestiere”!

Comunque sia, se ci sono tre vocali in fila, e la frase non fila, che facciamo?
Se leggo in carne e ossa, rischio di “mangiarmi” la congiunzione. Con in carne ed ossa, la evidenzio.

Questione di “crusca” caprina!

Bella domanda!
Io risolverei con un po' di… mestiere, appunto :)

A volte la D eufonica migliora la situazione, ma altre volte la peggiora, dunque le eventuali regole sono, per me, troppo rigide: lana caprinissimissima. Siccome editor ed editori intervengono, allora io, per farli contenti, metto le D eufoniche come dicono loro. Ma non sempre.

C'è una cittadina che si chiama Adrano nella città metropolitana (oggi si dice così) di Catania. Se oggi prendo la macchina per andarci, qualcuno potrebbe chiedermi dove vado e io dovrei rispondere "vado ad Adrano", ma non mi suona bene. Allora me la potrei giocare così:
A: "Dove vai?"
B: "In un bellissimo posto chiamato Adrano"
A: "Ah sì, lo conosco. Non ti perdere la chiesa principale, mi raccomando"

Nel caso di "in carne ed ossa", potrei fare così:
A: "Ho visto Giulio in ossa e carne!"
B: "Ma come diamine parli? Prima si mette la carne e poi si aggiungono le ossa, così mi hanno insegnato!"
A: "A me invece piacciono di più le ossa prima, capito, scimunito?"

Così faccio contenti tutti :)

In ogni caso potresti cavartela con un "romagnolismo". Io per esempio potrei mettere "Ad Adrano vado" tipo "Montalbaaano sono". Ma così risolverei solo il primo problema, non il secondo. Va meglio, ma non mi basta. Magari in romagnolo va meglio, non so. Poi qualcuno ti domanda "ma che significa?", e lì parte un bel siparietto :) :)
Il Sommo Misantropo

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

9
A me la d eufonica piace, la uso spesso.
Non credo che ci niente di sbagliato nelll'usarla come nel non usarla, è una scelta di stile dell'autore.
Nei miei racconti, romanzi ed opere teatrali ho fatto delle scelte di stile per caratterizzare il mio modo di scrivere.
So che un editor che dovesse leggere i miei scritti si metterebbe le mani nei capelli, ma ho cercato di creare un modo personale di scrivere per rendermi riconoscibile.
Non so se sia giusto o sbagliato, ma credo che un autore debba essere riconoscibile mentre ultimamente i libri pubblicati dalle grandi CE hanno tutti stili di scrittura uguali (compresi tremendi errori che mi inducono a pensare che usino tutte lo stesso editor e mi hanno pure fatto venire tremendi dubbi risolti comprando non una ma ben due grammatiche per essere sicuro di non essere pazzo).
Credo che ciò che conta sia la coerenza, se in un racconto si usa la d eufonica la si usa sempre non soltanto un po' qua e là. Tutto ciò tranne nei dialoghi, dove si può scegliere di far parlare un personaggio in modo più moderno ed un altro in modo più manierato.
Scrivere è bello perché c'è ancora un po' di libertà nello scegliere come farlo. Piacere ed avere dei fan è molto più difficile e complesso.

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

10
Anche a me spesso non suona bene quando ci sono incontri di tre vocali di fila, ma se mi azzardo a lasciarci una d eufonica di sicuro un editor la taglierà, quindi tanto vale che la tagli io :lol:
Ricordo una frase particolarmente brutta: "aiutò Anna ad adagiare" Ok, suonava male già in partenza, ma togliendo la "d" eufonica (la regola vuole che se c'è un d anche all'inizio della parola successiva non va) diventava: "aiutò Anna a adagiare" . Questo sì è uno scioglilingua :P . Fatto notare la cosa, ma niente, allora ho cambiato il verbo "aiutò Anna a distendere". La frase ci ha guadagnato, ma mi pare più logico dare la precedenza a come suona piuttosto che a regole astratte.
In un altro caso ho lasciato le d eufoniche in una profezia (che aveva quindi un tono solenne). Una beta reader me l'ha segnalate come errore, l'editor invece le ha lasciate (evidentemente ne ha capito il senso).
Nel caso citato, "in carne e ossa" a me suona meglio. Le prime due "e" si fondono quasi insieme nel pronunciarle, quindi non dà fastidio. Ma se anche ci metti la d penso che nessuno avrà da ridire.
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

11
Ci sono, secondo me, una serie di regole-non regole imposte dalla moda corrente, che dovremmo cercare di non osservare pedissequamente, ma di tenerne conto quando lo richiede il contesto. Per esempio, evitare gli aggettivi, non sempre, ma quando non servono e anzi appesantiscono il discorso; evitare le parentesi o i trattini, non sempre, ma quando l'inciso allunga troppo il periodo, e allora è bene evitarlo anche tra due virgole; la "d" eufonica si può usare o meno, dipende dalle parole prima e dopo, come suonano a leggerle. Le mode passano e non sempre ciò che è di moda rappresenta il meglio. E' il mio modestissimo e fallibilissimo parere. 
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: Re: Congiunzioni eufoniche

13
albertus ha scritto: credo che un autore debba essere riconoscibile mentre ultimamente i libri pubblicati dalle grandi CE hanno tutti stili di scrittura uguali 
Io credo la stessa cosa. Ce l'ho con la massificazione in letteratura. Che poi è la lingua che che genera la letteratura e non il contrario. Una letteratura massificata è prodotta da una lingua massificata. Per me non va bene :)
albertus ha scritto: Scrivere è bello perché c'è ancora un po' di libertà nello scegliere come farlo.
(y)
Il Sommo Misantropo
Rispondi

Torna a “Questioni di lingua”