Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

1
Voglio fare la sceneggiatura di un mio romanzo. Non so se riuscirò mai a farla diventare un film, ma vorrei evitare errori da dilettante (quale in realtà sono :P ) . Dal momento che non ho la possibilità di seguire corsi, vorrei chiedere se qualcuno qui ne ha mai scritta una e mi può dare qualche consiglio.
Ho letto un saggio sul tema (Save the cat, di Blake Snyder), che mi ha dato spunti utili e ispirazione, ma mi mancano le basi pratiche. Facendo una ricerca online e scaricandone qualcuna, ho visto che per formattarla c'è un metodo americano e uno italiano, che però non so se sia ancora di moda. Quello che mi serve è l'impaginazione corretta e il gergo usato per i vari movimenti di camera. Per fare un esempio: dissolvenza, primo piano, soggettiva, ecc. Ho ben chiaro cosa scrivere, ma non come va scritto nel modo giusto.
Avete qualche sito o manuale (un po' recente) da consigliarmi, su questi aspetti puramente tecnici? Oppure ne scrivete e potete aiutarmi direttamente? Grazie!
In generale, avete mai pensato di trarre una sceneggiatura da un vostro romanzo, o solo a me vengono queste idee balzane? 
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

2
Silverwillow ha scritto: avete mai pensato di trarre una sceneggiatura da un vostro romanzo, o solo a me vengono queste idee balzane? 
Siamo in due a essere balzani, ora non mi sento più solo :P
Tempo fa frequentai un corso su queste cose, e alla fine realizzammo un corto in cui uno scrittore in erba riusciva a vendere migliaia di copie, ma mi sa che ne so meno di te. :lol:
Il Sommo Misantropo

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

3
dyskolos ha scritto: Siamo in due a essere balzani, ora non mi sento più solo :P
Di per sé non è un'idea così stramba. I film tratti da un libro hanno spesso aumentato le vendite di quel libro (penso a Harry Potter, o Hunger Games).
Ci vorrebbe una certa popolarità di base, ma alcune storie rendono di più a livello visivo che letterario. Provare comunque non costa niente (come scrittori, per combinare qualcosa bisogna buttarsi   :super: )
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

4
Attualmente la tipologia di sceneggiatura per il cinema più diffusa è proprio quella all'americana, che indica solo la descrizione di quanto avviene in ogni scena e non prevede note di regia o movimenti di camera, ma solo stacchi e dissolvenze, lasciando tutto il resto alla creatività del regista e alla recitazione degli attori.
La sceneggiatura cinematografica va scritta in font Courier corpo 12 e prevede:
  • numero di scena 
  • tipologia di ambientazione (esterna o interna, giorno, notte, ecc...)
  • descrizione dell'azione nella scena
  • dialoghi (con i nomi dei rispettivi personaggi).
Se usi un programma free come Celtx, ti imposterà il layout in automatico, dovrai solo scrivere i contenuti. È settato con parametri tali che ogni pagina corrisponda quasi esattamente a un minuto di ripresa.
Credo, tuttavia, che non sia possibile semplicemente "buttarsi" e improvvisarsi sceneggiatori. Chi lo fa di mestiere ha seguito studi appositi. Tanto più che negli adattamenti è raro che la sceneggiatura segua pedissequamente il libro, in quanto il cinema (o altro media narrativo) ha tempi, ritmi e logiche diversi da quelli del romanzo, che bisogna saper padroneggiare per comprendere quali parti accorciare o eliminare, aggiungere o modificare in relazione allo "strumento" usato. E per fare questo è necessario avere padronanza o esperienza.

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

6
La mia esperienza è molto limitata, non so se possa essere utile. Anni fa mi è stato chiesto di scrivere la sceneggiatura di un episodio pilota di una serie ispirato a un mio racconto. Per la stesura ho usato CeltX, su raccomandazione di chi mi chiedeva la sceneggiatura, quindi per la « forma » è stato facile, se ne occupava il programma.
Non ho inserito dissolvenze, primi piani, carrellate o cose così, che non sono il mio mestiere, a quello pensava il regista che mi faceva anche da cosceneggiatore, e infatti mi proponeva anche modifiche e dettagli dal suo punto di vista di professionista cresciuto nelle serie televisive. Al limite indicavo se volevo che la scena si aprisse con la camera stretta su uno o più personaggi o larga a mostrare tutto un ambiente. 
Ma in genere mi limitavo a descrivere cosa dovessero fare i personaggi, le loro posture, gli oggetti importanti nella scenografia...

Però è una cosa fatta su richiesta specifica e fatta seguendo le indicazioni di chi voleva produrla. Non so se avrei saputo farlo di mia iniziativa e senza guide. (Ad esempio mi avevano detto quanto doveva durare l’episodio e, più o meno, ogni « quadro ». Quindi lo rileggevo cronometrando e tagliavo o allungavo i dialoghi in funzione di. Cosa che mai mi sarebbe venuta in mente spontaneamente, credo.)

In genere i libri che diventano film lo fanno su interesse di un produttore, regista o simili che legge il libro, lo trova bello e adatto e chiede di acquistarne i diritti. Non so quanto funzioni nel senso inverso, ma in bocca al lupo (y)
I intend to live forever, or die trying.
(Groucho Marx)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

7
ElleryQ ha scritto: Credo, tuttavia, che non sia possibile semplicemente "buttarsi" e improvvisarsi sceneggiatori.
Sì, capisco il punto di vista. Ma è anche vero che se avessi aspettato di essere "esperta" non avrei nemmeno pubblicato libri, perché tuttora non mi sento esperta come scrittrice (e ancora non capisco perché qualcuno voglia pubblicare i miei libri o leggerli).
Siccome più di una persona (tra cui un cugino che disegna fumetti per grossi editori) mi ha detto che alcune mie storie erano molto "visive" e adatte a diventare sceneggiature, e io stessa quando scrivo vedo le scene come fossero un film, ho pensato di provare. Magari sono troppo vecchia, o non ho le competenze, ma è un'idea a cui penso da un po', quindi finché non provo e non ci sbatto il muso non me la levo dalla testa. Può anche darsi che fosse la mia vera vocazione e non lo sapevo, come non sapevo di saper scrivere, finché non ho provato...
Bef ha scritto: In genere i libri che diventano film lo fanno su interesse di un produttore, regista o simili che legge il libro, lo trova bello e adatto e chiede di acquistarne i diritti. Non so quanto funzioni nel senso inverso, ma in bocca al lupo (y)
Grazie! La tua esperienza è utile. Se qualcuno mi contattasse per fare un film sarebbe senz'altro meglio. :lol: Ma, lo sappiamo, è un'eventualità rara (complimenti, a proposito). Il più delle volte è l'autore che deve darsi da fare per promuoversi. La tua esperienza tuttavia mi dice che se una storia interessa davvero le eventuali pecche nella forma hanno meno importanza. Tutto sta nel presentarla al meglio. Poi si incrociano le dita e si spera... Male che vada arriva un rifiuto, non è la fine del mondo
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

9
Silverwillow ha scritto: Poi si incrociano le dita e si spera... Male che vada arriva un rifiuto, non è la fine del mondo
Se parliamo di sceneggiature cinematografiche, male che vada la prendono, la stravolgono, ne fanno una cosa diversa e a te non riconoscono nulla.
Purtroppo, quella che è la paura spesso infondata dello scrittore, nel campo cinematografico è realtà all'ordine del giorno.
Per questo, come diceva saggiamente @Bef, ha senso se è una terza persona con esperienza e contatti giusti nel settore a chiederti di realizzare l'adattamento. Il contrario è un rischio elevato.
Piuttosto, visto che hai un cugino che lavora nel campo del fumetto e, da quel che leggo, già affermato, chiedigli di metterti in contatto con uno sceneggiatore. Se interessato, sarà direttamente lui a curare l'adattamento del romanzo e rivolgeresi all'editore.
dyskolos ha scritto: cercare una CE che si occupa di sceneggiature.
A parte poche CE che pubblicano sceneggiature di film noti, non ci sono editori che lo fanno. A che pro? È una scrittura tecnica, non avrebbe mercato se non per pochi appassionati.

Non comprendo cosa tu intenda per CE che si "occupa" di sceneggiatura. È lo sceneggiatore a occuparsene, un produttore ti mette in contatto con un regista se sei già uno sceneggiatore con un minimo di (buona) esperienza, mente nel mondo del fumetto sono gli autori a proporre all'editore un progetto già inclusivo di sceneggiatura o, molto più di frequente, del trattamento.

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

10
@Silverwillow , concordo con @ElleryQ , visto che hai agganci nel campo del fumetto, fai un passo alla volta, comincia con una sceneggiatura per quel tipo di media. Molto più semplice da realizzare e facile da imparare. Ci sono decine di manuali in merito. Chiaro che sarebbe opportuno conoscere bene quel mondo per capirne tecniche e sottigliezze nella trama, fatti consigliare dal cugino. Nel mio piccolo ne ho scritte diverse, ma si parla di anni addietro...
Ulteriore consiglio se intendi cimentarti nell'arte sequenziale: rivolgiti al mercato francese; studia i loro formati, è ben più ampio e remunerativo di quello nostrano.

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

12
@dyskolos:love:
Brutus ha scritto: concordo con @ElleryQ , visto che hai agganci nel campo del fumetto, fai un passo alla volta, comincia con una sceneggiatura per quel tipo di media. Molto più semplice da realizzare e facile da imparare
In realtà non intendevo affatto questo. È il mio lavoro e non è affatto più semplice del realizzare una sceneggiatura cinematografica, anzi, forse è più complesso, perché un bravo sceneggiatore di fumetto si occupa della regia e di molti altri aspetti.
Non si diventa sceneggiatore di fumetto leggendo un manuale, per quanto buono e completo possa essere; i miei allievi ci mettono almeno due anni per realizzare qualcosa di davvero pubblicabile e ben scritto anche tecnicamente, dopo aver frequentato il modulo.
Il mio consiglio non è di scriverti la sceneggiatura da sola, ma di farti consigliare da tuo cugino un bravo sceneggiatore/sceneggiatrice, che apprezzi il tuo libro e ne decida di fare un adattamento per fumetto.
E arrivare al mercato francese non è affatto semplice senza un buon agente!

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

13
@Silverwillow le indicazioni di @ElleryQ sono alquanto utili.
1. Tu sei lo sceneggiatore e ti è richiesto di non prendere il posto di altri, il Regista decide come inquadrare, il costumista come vestire, lo scenografo come disporre oggetti e strutture, l'attore come recitare. Quindi da te viene la storia, la struttura drammaturgica, luoghi, azioni e dialoghi (e aspetto dei personaggi), non devi descrivere troppo approfonditamente cose e luoghi, né dare indicazioni agli attori (Tony fa una pausa, scrolla il capo, si volta a guardare Milly, poi cammina verso... solo Tony cammina verso).
2. Quella che vorresti scrivere sembra una cosiddetta Spec Script (speculative screenplay) da proporre a qualcuno; non è la sceneggiatura per il girato perciò solo indicazioni di INT./EST LUOGO - GIORNO/NOTTE, Azione e dialoghi.
3. La cosa più semplice per imparare è scaricare le sceneggiature che trovi online in PDF. Avranno qualche differenza da quanto richiesto, ma è un buon modo per capire come muoverti. Ti verranno molti dubbi (ad esempio potresti chiederti se il nome dei personaggi va in maiuscolo solo la prima volta che compaiono, quando deve essere seguito dalle parentesi in cui inserire l'età e l'aspetto); ci sono delle situazioni in cui avrai due personaggi che parlano al telefono in luoghi diversi allora dovrai usare l'ALTERNATE EDITING (in Inglese... io leggo solo sceneggiature in Inglese). Altre situazioni in cui vorrai mettere in evidenza quanto compare nel display del telefono o in un monitor televisivo e poi fare un BACK TO SCENE. 
Nondimeno se sei pratico di un po' di inglese trovi quanto serve online. 
4. La Scuola Holden propone qualche corso. Conosco Federico Favot ed è un ottimo insegnante.
5. Di solito si deve avere un buon Soggetto e un ottimo Trattamento da proporre prima che accettino di leggere la sceneggiatura, perciò puoi iniziare da quelli.
6. I libri migliori a livello teorico - a mio giudizio naturalmente, ma non sono solo in questo - sono Robert McKee con «Story» e John Truby con «Anatomia di una storia».
Spero di esserti stato utile in qualche modo.

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

14
Grazie a tutti per i consigli! <3
ElleryQ ha scritto: Piuttosto, visto che hai un cugino che lavora nel campo del fumetto e, da quel che leggo, già affermato, chiedigli di metterti in contatto con uno sceneggiatore. Se interessato, sarà direttamente lui a curare l'adattamento del romanzo e rivolgeresi all'editore.
Può essere un'idea. In effetti si era parlato scherzosamente anche di fare un progetto insieme. Adesso però lavora per uno dei più grossi editori belgi, e mi pare fuori dalla mia portata (della serie, non vorrei sembrasse che cerco di sfruttare il parente di successo). Però posso sempre chiedere se conosce uno sceneggiatore che può essere interessato a valutarlo  (y) 

@T.D.J. Baw Se non dovessi trovare uno sceneggiatore, proverò a fare come dici: intanto scrivo un soggetto e un trattamento e vedo se qualcuno è interessato.
Ne ho scaricate alcune, ma di italiane se ne trovano poche. Se va bene il metodo americano mi studio quelle. Non so cos'è uno Spec Script (vado a vedere online   :lol:   ) ma sembra meno complicato di quel che temevo.
Il libro di McKee ce l'avevo già in lista, perché pare sia ottimo anche per gli scrittori.
Sei stato più che utile. Grazie mille!
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

15
Ho dimenticato la domanda più importante  :facepalm: : il romanzo è stato pubblicato da un editore. Devo avere il suo consenso per sottoporlo a qualcuno e ricavarne una sceneggiatura? O è sufficiente avvertirlo solo nel momento in cui trovasse effettivamente casa (come film o grafic novel) e poi dividere i diritti? L'editore potrebbe rifiutarsi e bloccare qualunque mia iniziativa in questo senso?
Panico... :aka:
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

16
Scrivere sceneggiature era uno dei miei grandi sogni del cassetto all'epoca in cui mi ero iscritta al vecchio forum. Quando scrivo, procedo sempre per scene, e quel mondo mi incuriosiva tanto — soprattutto il ramo teatrale — da voler provare a fare un master all'Accademia dell'Arte Drammatica a Roma. Poi, la vita mi si è un po' complicata, a livello di salute, e ho rinunciato. Sicuramente, da profana, sarebbe un'esperienza interessante per te tirare fuori dal tuo romanzo una sceneggiatura. Tra l'altro, quando leggevo il primo storico, ho avuto la netta sensazione che potesse essere adatto a una trasposizione cinematografica. Credo, però, che per avere un buon risultato la passione per la scrittura creativa non basta, altrimenti farebbero tutti sceneggiatori. L'ideale sarebbe trovare —  o che lo faccia la CE per te — un professionista. Per esercitarti, se ti ispira, puoi provare Celtx, che suggerisce @ElleryQ. L'avevo usato per un po' sul vecchio Mac, è utile per chi scrive sceneggiature oppure muove i primi passi nel settore. 
Piccoli Grandi Sognatori

 Without faith, without hope, there can be no peace of mind. [cit.]

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

17
@Emy Grazie! Mi rendo conto che non ci si può improvvisare sceneggiatori. Se trovo il modo di coinvolgere qualcun altro nel progetto sarei più contenta. Visto che l'editore se ne occupa molto poco, sarebbe una bella soddisfazione trovare da sola qualcuno interessato a farne un film.
Mi piace comunque avere un piano di riserva, quindi ho già scaricato Celtx (mi era sfuggito nel post di Ellery) e intanto provo a capire come funziona  :D 
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)

Re: Trasformare un romanzo in una sceneggiatura

19
Ngannafoddi ha scritto: Il libro è stato scritto per farne una miniserie televisiva  :) .
Mi pare di aver visto la serie anni fa, se era quella di quella piccola isola bloccata per giorni da una tempesta, con un qualche essere malefico che ammazzava la gente. Il libro non sapevo che c'era, ma provo a cercarlo, grazie. Può sempre essere utile, anche se io devo fare il contrario, trasformare un'opera già finita in sceneggiatura
Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. (Gandhi)
Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins)
La salvatrice di libri orfani (Alcheringa)
Il lato sbagliato del cielo (Arkadia)
Il tredicesimo segno (Words)
Rispondi

Torna a “Parliamo di scrittura”