Piccole infamie vista mare di Fernando Lizzani

1
9788832144451_0_536_0_75.jpg
9788832144451_0_536_0_75.jpg (43.24 KiB) Visto 179 volte



Titolo: Piccole infamie vista mare 
Autore: Fernando Lizzani
Editore: Aporema Edizioni
Genere: giallo dei sentimenti
Pagine: 276
Disponibilità del formato: cartaceo

Trama.

Valentina è una regista incaricata di girare un film ambientato in una piccola località di mare immaginaria. Favonea Marina è un borgo medievale arroccato su un promontorio, ai cui piedi si stende un classico villaggio di pescatori con le caratteristiche casette colorate e il tipico porticciolo, che un pontile divide dal porto turistico. Da lì si stende la parte nuova, piena di villette per vacanzieri e seconde case: una divisione non solo fisica tra le due anime del luogo.
La vita tranquilla della cittadina è stata scossa in passato dall'uscita di un romanzo di successo, in cui Giovanni, un autore locale, ha messo in piazza vizi e meschinità degli abitanti. Dopo mesi di feroci polemiche incentrate sull'improvvisa scomparsa di un'affascinante ragazza dell'est, il polverone è andato via via scemando e all'apparenza Favonea è tornata alla vita sonnacchiosa di sempre. Ma, volendo ribaltare il titolo della poesia di Leopardi, si sta preparando la tempesta dopo la quiete, perché il film che Valentina è incaricata di girare sarà tratto dal romanzo di Giovanni.
E tutto ricomincia.
Costretto a fare ritorno al paese in cui non aveva più rimesso piede, lo scrittore dovrà incontrarsi, e scontrarsi, con la regista. La ricerca del taglio da dare all'opera cinematografica si trasformerà presto in un'indagine volta a scoprire cosa ne sia stato della ragazza scomparsa.

Recensione.
Due parole sul contenitore, innanzitutto. A prescindere dall'immagine di copertina, che può piacere o meno, il libro è realizzato in un'elegante brossura con alette, con tanto di foto a colori dell'autore in terza. La carta di pregio, la stampa nitida e i pochissimi refusi rendono la lettura un'esperienza piacevole.
Pur essendo la trama tutto sommato esile, l'attenzione del lettore non viene mai a cadere: si vuole capire chi in paese abbia tratto vantaggio dall'uscita del romanzo e chi invece ne sia stato danneggiato e, soprattutto, che fine abbia fatto Petra, la misteriosa ragazza dell'est. L'autore ci conduce alla soluzione dell'enigma con uno stile fresco e leggero, senza mai tralasciare l'approfondimento psicologico dei personaggi, la caratteristica che forse ho apprezzato di più. Non solo Valentina e Giovanni, infatti, ma tutti i protagonisti e finanche le comparse, sono tratteggiati con abilità: il lettore di volta in volta entra in empatia, ma anche in antipatia, con loro. È questo curare le sfaccettature dei caratteri che rende tridimensionali i personaggi e ci fa apprezzare i rapporti che tra loro si instaurano.
Nello sviluppare la trama, poi, l'autore non lesina le critiche a tanti aspetti della vita sociale. Ho percepito Favonea come un microcosmo che ben rappresenta l'intera società: invidie, ripicche, intrallazzi e tradimenti sono quelli che si perpetrano in altri luoghi su scala più vasta.
Veri e propri appunti da muovere in tutta sincerità non ne ho, perché l'elemento stilistico che forse ho apprezzato di meno per altri lettori sarà di certo un valore aggiunto. Io non amo l'uso reiterato della metafora e Valentina, la voce narrante, me ne serve una già alla terza riga, per poi spiegarmi subito dopo che “la metafora è balorda, ma io ragiono per immagini. Questo è il mio linguaggio”. Al di là del fatto che poi nel corso del romanzo in realtà la protagonista non eccede mai in questa figura retorica, s'intuisce che il ragionare per immagini è una forma espressiva naturale per l'autore, che di professione fa il regista televisivo.

In definitiva il mio giudizio è più che positivo: “Piccole infamie vista mare” è un romanzo molto scorrevole e adatto a ogni tipologia di lettore, non occorre certo essere appassionati di thriller per poterlo gustare.
https://www.facebook.com/nucciarelli.ma ... scrittore/
https://www.instagram.com/marcellonucciarelli/
https://www.linkedin.com/in/marcello-nu ... -bbb4805b/
Rispondi

Torna a “Recensioni”