Laura Baldo_Il lato sbagliato del cielo_Recensione di CdM

1
    • Titolo: Il lato sbagliato del cielo
    • Autore: Laura Baldo
    • Editore: Arkadia
    • Pagine: 222
    • ASIN: B095BT3C2H        ISBN: 978-8868513009
    • Genere: romanzo storico
    • Formato: elettronico/cartaceo
    • Prezzo: 6,99/13,60
Trama:
Rainer è una giovane SS che viene assegnato al campo di concentramento di Flossenburg dopo essere stato ferito da una granata a Varsavia. Attraverso gli occhi della guardia vediamo la vita di un campo così come non l'abbiamo mai letta perché è Rainer che ce la racconta e lo fa attraverso il filtro del suo sgomento e confusione di fronte a quanto avviene. Rainer conosce Lucjen, un prigioniero polacco molto giovane che è stato testimone dell'incidente che ha azzoppato l'SS per tutta la vita; questo rapporto costringe Rainer a prendere delle decisioni quasi impossibili e che definiscono la sua vita, ma anche quella di chi gli sta intorno.
Recensione: 
Che Laura Baldo scrivesse bene lo sapevo già, però questo romanzo mi ha incantata più degli altri. Forse è una scelta di termine infelice, trattandosi di un romanzo storico ambientato il un campo di concentramento, eppure quando leggerete le prime pagine de Il lato sbagliato del cielo, avrete la sensazione di vedere con chiarezza, di trovarvi al fianco dei personaggi e non potrete fare a meno di sentirvi incantati. 
Ci sono delle riflessioni importanti, quella che mi è piaciuta di più parla dell'essere mostri, di come non si nasca tali, di come spesso non ci si renda conto di stare scivolando verso il lato sbagliato della storia o della Storia. Il passaggio da una parte all'altro è fatta di dettagli, di piccole decisioni e non decisioni che determinano la vita di ognuno di noi senza che ce ne rendiamo nemmeno conto.
Difficile riconoscersi in Reiner, perché lui è una SS, un cattivo per antonomasia, eppure è impossibile non riconoscersi in Reiner perché lui è un essere umano che pensa e che sente sulla sua pelle tutto quanto vede; la sua consapevolezza di sé e di ciò che sta vivendo è un processo doloroso e vivificante.
Trovo che Il lato sbagliato del cielo sia un romanzo coraggioso perché si mette dalla parte sbagliata della Storia e perché ci fa empatizzare con il cattivo, costringendoci ad accettare che esistono altre prospettive, ad aprire la nostra mente un po' di più in direzioni inaspettate.
La scrittura di Laura è a un punto fortunato della sua crescita, posso dirlo dopo aver letto tutti i suoi romanzi; ci sono equilibrio e sicurezza sia nella voce che nella scelta delle parole e delle loro sfumature; questi ingredienti creano un insieme davvero gradevole e vivo.
L'amicizia tra i due personaggi mette in luce un punto di vista diverso e riporta l'attenzione su quelli che sono i veri fautori della Storia che sono le persone normali, quelle che subiscono le decisioni di chi muove eserciti e sposta confini.
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
Le radici del fiordaliso
Rispondi

Torna a “Recensioni”