Declinazioni - Virginia Less

1
Immagine


Titolo: Declinazioni
Autore: Virginia Less
Editore: Argento Vivo Edizioni
Pagine: 241
ISBN: 9788894249637
Genere: Mainstream
Formato: cartaceo
Prezzo: €12,50

Trama
Fondi, comune in provincia di Latina, fa da sfondo all'incontro delle tre protagoniste: Berta, trasferita a Ferrara e nonna a tempo pieno; Gabriella vive il riflesso della vita del marito; Sandra, appena rimasta vedova. Le tre signore sono amiche di infanzia, ma hanno lasciato passare quarant'anni di vita prima di incontrarsi di nuovo nel paese che è radice delle loro storie. La sorellanza che si crea tra di loro è un'isola felice, una pausa dalla quotidianità e e da quello che vorrebbero dimenticare e ignorare dei loro matrimoni e delle loro famiglie. Tutte finiranno per confessare un segreto che ha condizionato i loro ultimi decenni.

Recensione
La quotidianità della donna italiana degli ultimi quarant'anni, viene discussa da tre punti di vista sociali acquisiti diversi. Si mette in dubbio la valenza del patriarcato, ma senza trovare una sfogo al matriarcato attivo. La solidarietà dell'adolescenza e dell'infanzia sbocciano nuovamente in un'età più matura dando al lettore uno sguardo globale sulle età della donna. Lo trovo un romanzo quasi femminista nel suo essere completamente candido e realistico nell'esposizione di pensieri intimi e considerazioni che diventano sociali. Vengono affrontati temi attuali in maniera confidenziale ed empatica; temi che, prima di entrare nella sfera sociale, stravolgono gli equilibri familiari.
Salta all'occhio la profonda conoscenza che l'autrice ha di Fondi, e l'amore che porta verso questo luogo nelle descrizioni accurate di monumenti, strade e persino nella differenza nella disposizione dell'acciottolato. Questa precisione facilita la visualizzazione dei luoghi, anche se in certi punti ritengo sia un po' eccessiva e tecnica. I personaggi respirano e pensano, si riescono a toccare ed è istintivo prenderli in simpatia e antipatia. Attraverso ricordi e confessioni, qualche volta, involontarie, si imparano a conoscere amici e famiglie, si sente il vento sulla faccia andando a vela sull'Egeo e ci si ubriaca di grappa cercando comunque di mantenere la dignità.
Il romanzo, benché parli di sentimenti e sensazioni dalla prima all'ultima pagina, è scritto in maniera asciutta e pragmatica. Si incontrano spesso termini architettonici e marinari poco conosciuti ai non addetti ai lavori, ma il tutto scorre fluido e senza intoppi, nonostante alcuni refusi dimenticati e qualche incertezza verbale. Elementi di poco conto che non disturbano affatto la storia e l'interesse crescente del lettore che vuole arrivare a svelare i misteri delle tre donne. Quello che invece rallenta, a mio parere, l'andamento della storia, sono i numerosi pezzi che descrivono in maniera piuttosto didattica, avvenimenti storici, commenti artistici, dissertazioni filosofiche; si ha l'impressione che siano state inserite nel testo a mo di spiegazione e di arricchimento culturale, risultando un po' forzati a mio gusto.
Declinazioni ci regala uno sguardo approfondito sulla figura della donna nata nel dopo guerra e che ha attraversato il '68 fino a entrare nell'era digitale. Offre uno spaccato dell'Italia dal punto di vista storico e sociale, donandoci piccole chicche di cultura nostrana. La descrizione delle tre protagoniste per me è esemplare e me le ha fatte amare nella stessa misura. È un romanzo curato e coinvolgente, sicuramente con una tendenza al femminile, che però non esclude l'altra metà del mondo. Complessivamente un buon lavoro che parla con il cuore, al cuore.
Linda e la montagna di fuoco
Favole e miti di Alonnisos
cron